LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Gare truccate in Serie D, prosciolta la Massese insieme ad Alessio Mariotti

La procura federale aveva chiesto 2 punti di penalizzazione per la società e 4 anni di squalifica per il giocatore dopo i fatti del 2018/2019

MASSA – Una bella notizia è arrivata in casa Massese. Un pensiero in meno da portarsi dietro in questi difficili momenti. Il tribunale federale nazionale della Figc si è pronunciato, dopo la riunione del 21 gennaio, in merito al terremoto che aveva scosso il mondo dei dilettanti toscani la scorsa estate con casi di partite truccate durante la stagione 2018/2019 e l’accusa di associazione a delinquere rivolta a molti esponenti della dirigenza del Viareggio, allora impegnato nel campionato di Serie D.

Un terremoto, quello, che aveva fatto tremare anche qualcuno sotto le Apuane, dopo la notizia di un eventuale coinvolgimento di Alessio Mariotti, che nel 2019 era tornato ad occupare la posizione di difensore centrale in bianconero. Mariotti era accusato di aver accettato l’offerta in denaro dei dirigenti del Viareggio in occasione del derby finito poi 0-0, a patto che riuscisse a causare almeno un calcio di rigore, prima però di essere sostituito al termine della prima frazione.

Il rischio per la società bianconera era alto: 2 punti di penalizzazione, chiesti dalla procura federale, più un’ammenda. Non la migliore delle situazioni per la dirigenza di Pantera & Co., arrivata al “Gianpiero Vitali” mesi dopo i fatti sotto la lente d’ingrandimento delle indagini, partite dalla procura di Lucca, e completamente estranei all’accaduto. Rischio scongiurato, grazie anche al grande lavoro dell’avvocato Rondini, con il proscioglimento pronunciato dalla federazioni dopo la riunione.

Prosciolto anche Alessio Mariotti, per il quale la procura aveva chiesto 4 anni di squalifica. Mentre la stessa sorte non è toccata a un altro ex bianconero, Mirko Garaffoni (77 presenze e 3 gol con la Massese tra C2 e C1 nel 2004/2005 e 2005/2006), direttore sportivo dello Scandicci, condannato a 4 anni di inibizione, mentre proprio lo Scandicci si ritroverà 2 punti di penalizzazione nella stagione in corso.