Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Eccellenza, tutto tace e il tempo stringe

Massese, San Marco e Pontremolese alla finestra per saperne finalmente di piu' del proprio futuro.

Quella di ieri, a Roma con il Consiglio del Coni doveva essere anche la giornata cruciale e decisiva per il futuro del torneo di Eccellenza con le tre cugine apuane Massese, San Marco e Pontremolese alla finestra per saperne finalmente di piu’ del proprio futuro.
Ma come recita il famoso detto: tanto tuono’ che non piovve.
Il campionato di Eccellenza deve purtroppo ancora aspettare ed il suo futuro appare più che mai incerto: nessuna notizia in merito infatti dal Consiglio nazionale del Coni da dove le società aspettavano il via libera per la ripresa. Nella nota diramata dal Coni si parla delle decisioni adottate sui vari punti all’ordine del giorno, ma non ci sono accenni su tale argomento. A questo punto Cosimo Sibilia, presidente della Lega nazionale dilettanti, avrebbe scritto alla Federcalcio per sollecitare di ritenere il campionato di Eccellenza di interesse nazionale considerando che la prima classificata sarebbe promossa in serie D. A quel punto sarà poi necessario che la Figc invii le pratiche per la ratifica al Coni la cui prossima giunta si terrà il 16 marzo. C’è poi da considerare quale sarà nel frattempo l’orientamento del governo per contenere la pandemia, se dovessero essere adottate misure restrittive la ripartenza dell’Eccellenza diventerebbe ancora più complicata. Intanto le società sono in attesa. Al momento i calciatori non si allenano da tempo, al massimo qualcuno fa qualcosa per conto proprio. Ma è indubbio che servirà almeno un mese perché i calciatori possano essere messi nelle condizioni di tornare in campo in una forma accettabile. Piu’ il tempo passa piu’ diventa estremamente difficile pensare ad una ripresa del torneo.