Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Pescara 2-2 Carrarese: buona prestazione, ma il miracolo non si realizza

Avvio complicato per gli azzurri che alla prima occasione bianco-azzurra vanno sotto: Cernigoi insacca di testa sfruttando un cross al bacio di un compagno. Gli uomini di Di Natale non crollano mentalmente e riescono addirittura a ribaltarla. Il pareggio porta la firma di Pasciuti con un diagonale mancino, mentre il vantaggio lo realizza D'Auria con un pallonetto da posizione defilata. Nella ripresa gli apuani calano fisicamente e con un colpo fortuito di Cernigoi i padroni di casa trovano il goal del pareggio

Ore 17:51: finisce il match.

46’s.t: ammonito Tunjov per aver fermato D’Ursi.

45’s.t: 5 minuti di recupero.

41’s.t: doppio cambio nel Pescara: fuori Cernigoi e Pompetti, dentro Cancellotti e Drudi. Nella Carrarese esce Khailoti ed entra Petrelli.

40’s.t: Berardocco di destro sfiora il palo alla destra di Sorrentino.

37’s.t: ammonito Rauti per una dura entrata su Bramante.

36’s.t: cambio nella Carrarese: fuori Pasciuti, dentro Petrelli.

35’s.t: GOAL PESCARA: cross dalla sinistra e Cernigoi con il petto insacca.

27’s.t: D’Ursi carica il destro con la sfera che lambisce il palo alla sinistra di Vettorel.

25’s.t: doppio cambio nella Carrarese: fuori Foresta e D’Auria, dentro Tunjov e Giannetti. Nel Pescara esce Clemenza ed entra Rauti.

24’s.t: Foresta ammonito per entrata dura su Clemenza.

23’s.t: ammonito Clemenza per un calcione a D’Auria.

17’s.t: doppio cambio nel Pescara: escono Veroli e De Risio ed entrano Nzita e Diambo.

9’s.t: ammonito Khailoti per fallo su Clemenza.

8’s.t: Bramante si gira e calcia di sinistro dai 20 metri. Sorrentino blocca senza problemi.

2’s.t: ammonito Pompetti per fallo con piede a martello su D’Auria.

Ore 17:00: via al secondo tempo.

Ore 16:45: finisce il primo tempo.

44’p.t: conclusione potente ma imprecisa di De Risio.

34’p.t: GOAL CARRARESE: Doumbia svetta di testa, D’Auria ruba palla ad un difensore bianco-azzurro e con un pallonetto da posizione defilata beffa Sorrentino.

29’p.t: conclusione dalla distanza di Clemenza che esce sopra la traversa.

21’p.t: GOAL CARRARESE: Semprini crossa a rimorchio, Bramante calcia, la sfera rimbalza su un difensore ed arriva a Pasciuti che con il sinistro trova l’angolo basso alla destra di Sorrentino

19’p.t: Clemenza prova a sorprendere Vettorel con un sinistro rasoterra sul primo palo ma il portiere azzurro con i piedi devia in corner la sfera.

9’p.t: GOAL PESCARA: Cernigoi insacca di testa sfruttando un cross al bacio di un compagno.

Ore 16:00: via al match.

Le formazioni ufficiali:

PESCARA (4-3-2-1): Sorrentino; Zappella, Illanes, Ingrosso, Veroli; Pompetti, De Risio, Pontisso; Clemenza, D’Ursi; Cernigoi. A disposizione: Iacobucci, Memushaj, Ferrari, Diambo, Rauti, Drudi, Cancellotti, Nzita, Delle Monache, Blanuta, Chiarella, Ierardi. Allenatore: Luciano Zauri.

CARRARESE (4-3-1-2): Vettorel; Semprini, Rota, Marino, Khailoti; Foresta, Berardocco, Pasciuti; Bramante; D’Auria, Doumbia. A disposizione: Barone, Mazzini, Sabotic, Petrelli, Bevilacqua, Energe, Bertipagani, Tunjov, Bagnoli, Grassini, Arcuri, Giannetti. Allenatore: Antonio Di Natale.

PESCARA – Fra poco meno di 30 minuti Pescara e Carrarese scenderanno sul rettangolo di gioco dello stadio Adriatico per disputare il primo turno playoff. I padroni di casa si sono giocati fino all’ultima giornata il quarto posto con la Virtus Entella che alla fine ha avuto la meglio grazie al miglior differenza reti (entrambe le squadre hanno chiuso il campionato a 65 punti e con gli scontri diretti in parità). Gli ospiti, che hanno veleggiato quasi sempre tra l’ottavo ed il decimo posto, sono riusciti ad accaparrarsi l’ultimo biglietto per playoff grazie al miglior posizionamento nella classifica avulsa con Vis Pesaro ed Aquila Montevarchi. Sulla carta, per gli azzurri, il match è proibitivo considerato anche lo scarso rendimento fuori casa in campionato, ma essendo una partita secca le dinamiche di gioco e mentali potrebbero cambiare e quindi rendere possibile anche l’impossibile.