LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Aquila Montevarchi 1-1 Carrarese: goal in extremis di D’Auria e gli azzurri strappano un punto

Prima frazione di gioco con poche emozioni eccetto per due scatti sul filo di fuori gioco da parte di Gambale e Barranca sventati da Vettorel e Marino. Negli apuani cambio obbligato con l'uscita di Tunjov per problemi muscolari e la successiva entrata di Bramante. Nella ripresa alla prima occasione i rosso-blu passano in vantaggio con Giordani. Energe si procura un rigore che però D'Auria sbaglia calciando centrale. A 30 secondi dal termine sempre il numero 10 azzurro trova l'angolo basso alla destra di Giusti e pareggia i conti

Ore 19:28: finisce il match.

50’s.t: GOAL CARRARESE: gli azzurri ripartono, Battistella vince diversi contrasti, Marino serve D’Auria che di fronte a Giusti trova l’angolo basso e pareggia.

46’s.t: doppio cambio nell’Aquila Montevarchi: escono Gambale e Nannelli ed entrano Jallow e Chiesa.

45’s.t: 4 minuti di recupero.

36’s.t: secondo cambio nell’Aquila Montevarchi: fuori Mercati, dentro Mionic.

32’s.t: tiro debole dalla distanza di Berardocco che Giusti blocca senza problemi.

32’s.t: Energe perfora la difesa di casa sulla sinistra, prova un diagonale con il mancino che deviato in corner.

30’s.t: ammonito Martinelli per fallo su Battistella.

26’s.t: penalty Carrarese sbagliato: Giusti ipnotizza D’Auria. Tiro centrale per il numero 10 azzurro.

25’s.t: atterrato in area Energe ed è rigore. Ammonito Carpani per il fallo.

24’s.t: ultimo cambio nella Carrarese: esce Figoli ed entra D’Auria.

21’s.t: botta di Boccadamo dalla distanza con Mazzini che si distende sulla sua sinistra e la leva dallo specchio.

18’s.t: ammonito Battistella per fallo in ritardo. Anche lui salterà il prossimo incontro visto che era diffidato.

17’s.t: ammonito per Imperiale per un duro fallo su Boccadamo. Il terzino azzurro era in diffida e salterà la prossima partita.

13’s.t: doppio cambio nella Carrarese: fuori Petrelli e Doumbia e dentro Infantino e Energe. Cambia tutto il fronte offensivo.

9’s.t: GOAL AQUILA MONTEVARCHI: corner dalla destra e svetta Giordani che insacca. Nulla da fare per Mazzini.

8’s.t: punizione dalla sinistra per i padroni di casa, girata di testa di Gambale ma Mazzini devia in corner.

7’s.t: primo cambio per l’Aquila Montevarchi: esce Barranca ed entra Sorrentino.

1’s.t: secondo cambio nella Carrarese: fuori Vettorel, dentro Mazzini.

Ore 18:34: via al secondo tempo.

Ore 18:18: finisce la prima frazione di gioco.

45’p.t: 2 minuti di recupero.

35’p.t: cambio obbligato nella Carrarese: fuori Tunjov per problemi muscolari e dentro Bramante.

25’p.t: Barranca scappa sulla sinistra, mette in mezzo ma in scivolata Marino anticipa Gambale pronto al tap-in.

9’p.t: Gambale scatta sul filo del fuorigioco, arriva davanti a Vettorel ma calcia centralmente ed il portiere azzurro respinge con i piedi.

Ore 17:31: inizia la partita.

Le formazioni ufficiali di Aquila Montevarchi e Carrarese:

AQUILA MONTEVARCHI (4-3-1-2): Giusti; Boccadomo, Achy, Mercati, Martinelli; Amatucci, Carpani, Mercati; Giordani; Gambale, Barranca. A disp: Mariangioli, Sorrentino, Lunghi, Chiesa, Intinacelli, Gennari, Boiga, Mionic. All. Roberto Malotti.

CARRARESE (4-3-1-2): Vettorel; Semprini, Rota, Marino, Imperiale; Battistella, Berardocco, Figoli; Tunjov; Doumbia, Petrelli. A disp: Mazzini, Capponi, Grassini, Bevilacqua, Sabotic, Khailoti, Foresta, Bertipagani, D’Auria, Bramante, Energe, Infantino. All. Antonio Di Natale.

MONTEVARCHI – Aquila Montevarchi e Carrarese scenderanno in campo fra circa mezz’ora per disputare la 28° giornata (8° di ritorno) del campionato di serie C girone B. All’andata il match terminò 2 a 2: gli azzurri dominarono la partita ma le disattenzione difensive permisero ai rosso-blu di andare avanti 2 a 0 ma la caparbietà dei ragazzi di Di Natale fu premiata perché con le reti di Doumbia ed Energe riuscirono a raddrizzare l’incontro per  portare a casa almeno un punto. Forte fu il rammarico dell’ambiente azzurro per una partita che doveva essere vinta considerata la mole di gioco che venne creata nei 90 minuti.