Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Di Natale: «Sono fiducioso: una vittoria ripagherebbe i sacrifici fatti». Diana: «A Carrara per vincere»

Le dichiarazioni dei due allenatori in vista del match di oggi pomeriggio (ore 14:30) valevole per la 25° giornata (6° del girone di ritorno) del campionato di serie C girone B

CARRARA – L’ultima partita che la Carrarese giocò allo stadio dei Marmi risale al 22 Dicembre e terminò con una vittoria (2-0) convincente sotto ogni punto di vista contro il Pontedera. Dopo un mese e mezzo gli azzurri torneranno a giocare davanti al loro pubblico e sfideranno una delle due corrazzate dei girone, ossia la Reggiana. La sfida sulla carta parrebbe proibitiva visto che la squadra emiliana è sia una macchina da goal che un fortino; i ragazzi di Aimo Diana, infatti, sono ancora imbattuti ma i giocatori di mister Di Natale venderanno cara la pelle come hanno fatto mercoledì a sera Pescara. La Carrarese, come detto, arriva a questo appuntamento dopo aver pareggiato (1-1) allo stadio Adriatico contro la squadra bianco-azzurra padrona di casa. La Reggiana, invece, ha affrontato l’altra corrazzata del girone B, cioè il Modena, al Mapei Stadium ed il match è finito 0-0. Gli azzurri occupano il 9° posto in classifica con 29 punti e sono imbattuti da 10 giornate; i granata comandano il girone con la bellezza di 55 punti a pari merito con il Modena.

Riportiamo le dichiarazioni dei due allenatori in vista del match di oggi pomeriggio (ore 14:30) valevole per la 25° giornata (6° del girone di ritorno) del campionato di serie C girone B.

QUI CARRARESE – L’allenatore Antonio Di Natale: “Dopo un mese e mezzo ritorniamo nella nostra “casa” e lo facciamo in grande stile se pensiamo al tipo di avversario che andremo ad affrontare, ossia una Reggiana che è lì in vetta dalla prima giornata di campionato e non accenna a calare nei risultati e nella qualità delle prestazioni. All’andata fino all’episodio dell’espulsione di Tunjov abbiamo retto urto ma sono convinto e fiducioso per una prestazione che ha la possibilità di essere anche migliore da parte nostra, visto il lavoro condotto in questo mese ed i progressi mostrati. Alcuni meccanismi, infatti, sono maggiormente acquisiti da parte di tutti e quindi procedendo con certi principi non potremo che affrontare in maniera giusta ogni tipo di avversario. La Reggiana è una squadra monstre nei numeri, vedere il rapporto goal fatti e subiti nonché constatare l’ampiezza di scelta di cui dispongono nella rosa facilita la gestione delle gare e consente loro di affrontare al massimo ogni evenienza. Il marchio di fabbrica di Mister Diana è, come noto, il 3-5-2 con esterni che sono di corsa ma con punte qualitative oltre la media, senza contare che è una squadra che cambia faccia e impostazione a partita in corso così da diventare imprevedibile e camaleontica. Per noi sarà una prova stimolante ma assumiamo l’atteggiamento giusto ed è significativo che a Pescara dopo una grande partita, abbiamo chiuso in avanti per cercare la vittoria. Il nostro livello tecnico e tattico nonché della personalità è in una fase di importante crescita che può farci progredire velocemente. La vittoria, sfumata a Pescara per un “niente” deve essere lo stimolo per provare a fermare un’ altra corazzata ed infatti tre punti contro una big di tale livello ci ripagherebbe dei sacrifici fatti e del duro lavoro condotto dallo scorso luglio ed in più fornirebbe una dose di autostima per affrontare con ancora maggiore convinzione gli impegni successivi. Rimangono indisponibili ancora D’Auria e Giannetti ma il loro recupero si avvicina ad una conclusione, perdiamo per squalifica Energe mentre gli altri ragazzi saranno sicuramente stanchi per le partite disputate in pochi giorni ma dimostrano grande capacità di recupero e non mollano nulla.”

QUI REGGIANA – Il mister Aimo Diana: “Il derby è finito, già la notte stessa stavamo lavorando sulla Carrarese. I ragazzi si sono allenati bene, non ci sono strascichi se non la consapevolezza di essere una squadra forte, come gli altri. Ho visto i ragazzi sereni e tranquilli e si sono allenati forte. Andremo a giocare a Carrara con grandissimo rispetto e senza sottovalutare la gara, per cercare di vincere come sempre; sapendo che l’avversario ci metterà in difficoltà ed è fresco, con un allenatore che ha trovato una quadratura importante.
I sintetici sono un pochettino tutti diversi; ogni società ha la sua disponibilità. Quello di Carrara ti consente di giocare perché non ci sono buche e irregolarità; non è un bel sintetico ma giocabilissimo.”