LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Le pagelle di Pescara-Carrarese (1-1): Vettorel in serata no, prima gioia per Petrelli

Il portiere azzurro con un intervento goffo su tiro dalla distanza ma centrale di Pompetti regala il vantaggio agli abruzzesi mentre il tocco dell'attaccante scuola Juventus che porta alla rete del pareggio è da ammirare: pallonetto morbido a superare Sorrentino

CARRARA – Il pareggio (1-1) allo stadio Adriatico di Pescara certifica il definitivo salto di qualità della Carrarese e la maturità calcistica acquisita dai ragazzi di mister Di Natale. Nemmeno lo svantaggio, immeritato, ha scalfito l’animo degli azzurri che con caparbietà hanno voluto rimettere nel binario giusto la partita. Ripercorrendo il match, nei primi quarantacinque minuti la Carrarese tiene ben il campo facendosi vedere due volte dalla parti di Sorrentino: una volta con una conclusione di Battistella che esce di poco ed un’altra con un tiro a giro di Petrelli che però l’estremo difensore di casa neutralizza senza problemi. Alla prima occasione, però, è il Pescara a passare in vantaggio: conclusione dalla distanza di Pompetti, Vettorel prova goffamente a respingere con i piedi ma la sfera si insacca. Ad avvio ripresa la Carrarese parte forte creando due nitide palle goal con Petrelli ed alla terza pareggia: Battistella serve in profondità Energe, l’attaccante azzurro, posizionato al limite dell’area, vede con la coda dell’occhio Petrelli sulla sinistra e lo serve e quest’ultimo con un tocco sotto dentro l’area di rigore supera Sorrentino ed insacca. Sul finire di match i padroni di casa provano a schiacciare gli ospiti nella loro area di rigore ma il muro di questi regge. Dopo quattro minuti di recupero arriva il triplice fischio dell’arbitro.

Voti e giudizi agli azzurri scesi in campo ieri sera:

VETTOREL 4: con un intervento goffo su tiro dalla distanza ma centrale di Pompetti regala il vantaggio agli abruzzesi. In altre occasioni si dimostra insicuro come quando rischia la frittata su un tiro cross sul finire del match. Serata no.

GRASSINI 4,5: dalla sua parte Nzita fa il bello ed il cattivo tempo. Inoltre rimedia un inutile cartellino giallo per un’entrata in ritardo. Il mister, accorgendosi delle sue difficoltà, lo lascia negli spogliatoi a fine primo tempo.

ROTA 7: solita partita gagliarda per il centrale azzurro. Ferrari, fisicamente, è un cliente scomodo, ma riesce quasi sempre ad avere la meglio. Rischia grosso in occasione di una parapiglia con Illanes ma viene solamente ammonito.

MARINO 7: conferma quanto visto negli ultimi mesi; puntuale negli anticipi e nelle chiusure ed è preciso come sempre in fase di impostazione. Annulla di fatto Rauti che gioca pochi palloni.

IMPERIALE 6,5: in crescita rispetto alle precedenti uscite. Non sbaglia nulla in fase difensiva e non disdegna dal proporsi in quella offensiva.

BATTISTELLA 6,5: specie nel primo tempo i suoi inserimenti sono una spina nel fianco per centrocampo e difesa di casa ed in occasione di uno di questi va vicinissimo al goal del vantaggio con un tiro che si spegne a fil di palo. Mette lo zampino nel goal del pareggio perchè è sua la verticalizzazione per Energe.

BERARDOCCO 6,5: detta tempi e geometrie in mezzo al campo. Tocca la palla con disinvoltura anche quando pressato. Sa sempre dove spedire la sfera.

PASCIUTI 6: il capitano azzurro gioca una partita di sacrificio e lo fa egregiamente. Partecipa in negativo all’accenno di baruffa fra Rota e Illanes ma l’arbitro lo grazia.

BRAMANTE 4,5: solito copione di Fermo: non riesce a trovar la posizione in campo e quindi a creare pericoli. Soffre la fisicità ed il dinamismo pescarese. Viene sostituito all’intervallo.

ENERGE 6: va con caparbietà su tutti i palloni provando anche giocate illuminanti e la sua verve, infatti, viene premiata con l’assist per il pareggio azzurro siglato da Petrelli. Peccato per l’ammonizione per un’entrata in ritardo che, essendo in diffida, comporterà la squalifica per la prossima partita contro la Reggiana.

PETRELLI 6,5: è l’uomo più pericolo sebbene si divori il goal del pareggio per due volte ma il tocco che porta alla rete del pareggio è da ammirare: pallonetto morbido a superare Sorrentino.

SEMPRINI 6,5: entra al posto di un disastroso Grassini e fare meglio non era impossibile. Controlla senza particolari patemi la sua zona di campo proponendosi in avanti in alcune circostanze.

TUNJOV 6,5: rileva sulla trequarti Bramante e mette in seria difficoltà la retroguardia pescarese con alcune giocate ed accelerate.

DOUMBIA 6: in campo al posto di Energe, aiuta la squadra a rimanere alta ed mantenere il possesso palla. Peccato che in almeno due occasioni non ha visto o non ha avuto la personalità di servire in profondità un compagno.

FIGOLI 6: dentro per uno stremato Battistella, aiuta a contenere il forcing finale del Pescara.

INFANITNO 6: si rivede in campo dopo mesi ed entra al posto di Petrelli con il piglio giusto. Il suo primo pressing costringe i difensori di casa al lancio lungo immediato.

DI NATALE 6,5: decimo risultato utile consecutivo, partita giocata con enorme personalità e senza timori da parte dei suoi ragazzi al cospetto di una squadra con altre ambizioni. La grinta e la voglia di vincere che aveva in campo quando era calciatore è riuscito a trasmetterla ai suoi uomini. La partita di oggi certifica che la Carrarese targata Totò Di Natale se la può giocare con tutti e che se addirittura comincia a segnare con regolarità, potrà togliersi delle soddisfazioni da qui alla fine della stagione.