Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Di Natale: «Bravi a gestire la loro fisicità ed aggressività. Continua la striscia di risultati positivi»

Le dichiarazioni dell'allenatore azzurro dopo il pareggio (0-0) di questo pomeriggio contro il Grosseto allo stadio Carlo Zecchini

GROSSETO – Dopo il pareggio (0-0) contro il Grosseto, in sala stampa si presenta un Antonio Di Natale soddisfatto del risultato perché consente di allungare la striscia di risultati positivi tenendo ancora una volta la porta inviolata. L’allenatore azzurro però mette in risalto anche la scarsa lucidità e la poca freddezza nel concretizzare le palle goal.

Riportiamo le dichiarazioni dell’allenatore azzurro:

Mister Antonio Di Natale: “La partita è stata, in generale, quella che mi attendevo alla vigilia. Il Grosseto ha messo in campo forza ed anche motivazioni ed entusiasmo.
Non ci siamo fatti sorprendere dalla loro fisicità che i maremmani hanno impiegato soprattutto nei calci piazzati e nell’aggressività’ in mediana. I ragazzi hanno provato a fare girare la palla, siamo stati ordinati ma non rapidi e ne abbiamo risentito in pericolosità. I pericoli che abbiamo corso sono stati frutto di azioni sporadiche con folate che siamo stati comunque capaci di contenere. Il nostro primo tempo è stato piuttosto lineare, c’è mancato il pertugio e il giusto acuto che, probabilmente, avremo trovato con quella colossale occasione da goal in cui non siamo stati bravi a concretizzare. L’occasione più importante della prima frazione è stato a nostro favore e si sarebbe indirizzato il match e facilitato il nostro compito con più concretezza e precisione.
Nel secondo tempo, il tema della gara è stato lo stesso della prima frazione anche se non abbiamo concesso nessuna chiara palla goal.
Da parte nostra, siamo stati più bravi a ripartire, ad eludere la loro pressione e con i cambi di Bramante e del nuovo arrivo Petrelli ho cercato caratteristiche diverse poi è entrato anche Bertipagani che ha avuto un buon approccio. Due o tre sono state le occasioni potenziali in campo aperto ma ci è mancato quel pizzico di lucidità per tramutarle in qualcosa di più pericoloso.
Prendiamoci il punto, quindi la continuazione di una striscia di risultati positivi che che è associata ad una porta inviolata che rappresenta sempre un punto di partenza ed una base solida da cui ripartire.”