Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Il punto di Nelso Ricci: «Berardocco giocatore di categoria. Cerchiamo un attaccante che faccia la “guerra”»

Il direttore generale azzurro: «La cessione di Kalaj rappresentava un'opportunità sia per la società che per il calciatore. Galligani non ha reso quanto ci si aspettava»

CARRARA – Il Direttore Generale Nelso Ricci, tramite un comunicato ufficiale a metà della sessione del mercato di riparazione, dettaglia le operazioni effettuate negli ultimi giorni e parla del futuro. Il difensore Segio Kalaj ha lasciato le Apuane perché sia il giocatore che la società avrebbero beneficiato della cessione mentre diverso è il discorso sull’uscita di Elia Galligani, il quale non ha reso quanto lo staff tecnico si aspettava. Riguardo le entrate, dopo l’ufficialità di Berardocco, il D.G. azzurro è alla ricerca di un vero centravanti che possa concretizzare maggiormente la mole di gioco che la squadra crea ogni domenica. Infine le operazioni fino adesso realizzate e quelle future sono volte a potenziare la rosa ed a renderla il più possibile in linea con le idee tecnico tattiche dell’allenatore.

“La Carrarese – esordisce Nelso Ricci – è presente e vigile sul mercato avendo le idee chiare su come e dove intervenire rafforzando le potenzialità, già esistenti della rosa. Le operazioni condotte sino ad ora hanno un loro fondamento ancorato su ragioni diverse che vanno dell’opportunità irrinunciabile sino alla valutazione di ordine tecnico e tattico.
A prescindere da Luci che ha lasciato Carrara per motivi personali e Santochirico che, come prodotto del settore giovanile, necessita di formarsi e fare esperienza oppure Girgi per cui, non avendo trovato spazio, è stato scontato trovare una soluzione diversa, meritano approfondimento le situazioni di uscita Kalaj e Galligani.
Per quanto riguarda il difensore italo albanese si è presentata la classica occasione a cui non può rinunciare sia la società che è stata capace di individuare un profilo giusto poi valorizzato dallo staff tecnico e per il ragazzo che si cimenterà in serie B con il Frosinone.
In entrata, è previsto, proprio dal Frosinone, l’arrivo di Bevilacqua che è un difensore centrale 2001 su cui i ciociari puntano e che potrà mettersi in mostra in serie C puntellando il nostro reparto difensivo che, probabilmente, verrà completato anche con un nuovo arrivo da coinvolgere nel sistema delle rotazioni.
Invece, su Galligani non credo di dire un’eresia che, a fronte dell’entusiasmo e delle aspettative che hanno caratterizzato il suo arrivo, non è seguito un corrispondente rendimento in campo e poi, complice il passaggio dal sistema di gioco 4.3.3 al 4.3.1.2, il nostro reparto avanzato è ricco di attaccanti esterni e seconde punte senza avere, oltre alle qualità di Doumbia e Giannetti, un vero stoccatore anche di presenza all’interno dell’area di rigore. In questo senso – aggiunge il D.G. – ci stiamo muovendo per cercare di concludere l’acquisizione di un vero centravanti che possa poi giocare anche con Giannetti e/o Doumbia ma che sia in grado di fare la c.d. “guerra” davanti e ci regali soluzioni diverse per valorizzare la mole di gioco prodotta.
A livello di new entry, abbiamo annunciato da poco un calciatore importante che, nel ruolo ed in categoria, è considerato tra gli interpreti top e mi riferisco a Luca Berardocco che ha scelto la Carrarese nonostante la corte serrata di altri club e che siamo stati abili a vincolare il con un contratto sino al 2024.
È chiaro, quindi, come la nostra linea programmatica sia ispirata a garantire un presente di un certo tipo comunque proiettato con occhio avveduto nel futuro.
Vogliamo rinforzarci in maniera intelligente, costruendo una rosa adeguata che possa plasmarsi sempre meglio in un’ottica di omogeneità e completezza possibile soprattutto, laddove, ha mostrato di avere poche alternative. Con un gruppo di calciatori – conclude il dirigente azzurro – ancora più consolidato ed arricchito vogliamo proseguire la striscia positiva pre natalizia puntando, perché no, ad incrementare il nostro rendimento anche attraverso la costruzione di una rosa più armoniosa ed equilibrata che conceda alternative e soluzioni diverse che possano essere il più funzionali possibili.”