Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Carrarese: ecco tutti i numeri del girone di andata (e qualche considerazione)

Gli azzurri dopo 19 giornate occupano il 13° posto in classifica con 23 punti frutto di 5 vittorie, 8 pareggi e 6 sconfitte

CARRARA – La prima vera Carrarese targata Antonio “Totò” Di Natale chiude il girone di andata al 13° posto con 23 punti. Gli azzurri, lo ricordiamo, hanno iniziato questa stagione con alcune problematiche legate al Covid-19 che hanno poi condizionato i primi incontri ufficiali. Durante il ritiro a Pontremoli, infatti, il virus ha colpito alcuni membri del gruppo squadra e per rispettare le norme anti-contagio l’attività di gruppo è stata sospesa. I giocatori hanno potuto allenarsi soltanto individualmente ed il mister ed il suo staff non hanno potuto provare schemi e movimenti in partite amichevoli.

Tornando ai numeri, i 23 punti totalizzati in 19 partite sono frutto di 5 vittorie, 8 pareggi e 6 sconfitte realizzando 20 goal e subendone 27. La maggior parte del bottino proviene dalle buone prestazioni che la compagine azzurra ha sfoderato allo stadio dei Marmi. Tra le mura amiche, infatti, sono arrivate 4 vittorie, 4 pareggi ed 1 sconfitta per un totale di 16 punti. L’unico zero risale alla seconda giornata contro il Pescara, quando la squadra era ancora indietro di condizione. I restanti 7 punti provengono dalle partite fuori casa (1 vittoria, 4 pareggi e 5 sconfitte).

Le trasferte sono state il tallone di Achille della squadra, dal momento che le sconfitte più pesanti sono arrivate proprio lontano da Carrara. Occorre tuttavia precisare che alcuni Ko hanno rappresentato punti di svolta: il 3-0 di Siena alla terza giornata ha sancito il cambio di modulo passando dal 4-3-3 ad un 4-3-1-2 che avrebbe garantito più copertura e maggiore raccordo tra centrocampo ed attacco, e soprattutto il ritorno di Nelso Ricci nel ruolo di direttore generale al posto di Vincenzo Minguzzi. Anche le due sconfitte consecutive con Modena (2-0) ed Olbia (4-1) a cavallo tra ottobre e novembre hanno portato giovamento alla squadra azzurra: da lì in poi il ritorno in pianta stabile di Rota al centro della difesa assieme ad uno tra Marino e Kalaj ha assicurato una coppia di centrali che si completa a vicenda: rapido il giocatore greco, rocciosi e bravi nel gioco aereo gli altri due.

La Carrarese, infatti, nelle ultime 6 giornate ha subito solo 2 goal mostrando compattezza, attenzione e precisione in fase difensiva. Per quanto riguarda la manovra offensiva, eccetto per le due roboanti vittorie con Imolese (2-4) e Teramo (4-0), in queste 19 giornate si è evidenziata poca concretezza sotto porta. In alcune partite la scarsa vena realizzativa degli attaccanti ha impedito di portare a casa punti importanti che avrebbero permesso di avere una classifica ancora migliore. Questo aspetto dovrà essere sicuramente migliorato se società e squadra vorranno fare un ulteriore salto in avanti ed ambire a posizioni migliori.

Infine due parole sul tecnico azzurro: Antonio Di Natale, alla sua prima esperienza tra i professionisti nella veste di allenatore, dopo il brutto avvio di stagione ha avuto il coraggio e soprattutto l’umiltà di cambiare modulo ed anche il suo atteggiamento in panchina, questo specialmente nell’ultimo mese. Recentemente si è visto un mister più dentro il match, più cattivo, sempre pronto a spronare e a incitare i suoi uomini a non mollare e a lottare su ogni pallone e soprattutto migliorato nella lettura delle partite in corso d’opera.