Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Di Natale: «Obbligatorio ripartire per recuperare posizioni». Canzi: «Carrarese squadra esperta ma con punti deboli»

Le dichiarazioni dei due tecnici prima della sfida che andrà in scena oggi alle 14:30 allo stadio Bruno Nespoli di Olbia

CARRARA – In vista del match odierno allo stadio Bruno Nespoli (ore 14:30) tra Olbia e Carrarese, valevole per la tredicesima giornata di campionato serie C girone B, queste le dichiarazioni pre-gara dei due allenatori:

Qui Carrarese, mister Di Natale: “La sconfitta di Modena non ci ha lasciati per nulla soddisfatti, anzi, c’è il rammarico di non aver sfruttato la superiorità numerica creando almeno sei palle goal chiare senza trovare la via della rete. I nostri primi dieci minuti al” Braglia” sono stati rivedibili soffrendo ritmo e pressione modenese ma, successivamente, siamo andati più sciolti peccando in concretezza in area di rigore. L’imperativo è ripartire e recuperare punti e posizioni in classifica perché la nostra non è ancora una vera continuità. Solo in questo modo, possiamo pensare di stabilizzarci in certe posizioni di classifica. Il nostro dovere di dimostrare qualcosa calza a pennello in una gara difficile come quella contro l’Olbia. I sardi sono stati costruiti per disputare una stagione tranquilla, allestiscono rose equilibrate e di valore con giovani e chiocce di livello che ha nelle gare casalinghe la base su cui costruire il proprio campionato inseguendo gli obiettivi prefissati. Emotivamente si incontreranno due squadre che vengono da due sconfitte e ci sarà sana voglia di riscatto. In campo si potrebbe vedere una partita con due formazioni che adottano un modulo speculare, un 4-3-1-2 che cerca il vertice alto per imbeccare la rapidità delle punte. Il campo di Olbia è stretto e bisogna dosare le giocate per chi non è abituato e può essere altro rilievo di insidia per questa trasferta che è la più complicata ed impegnativa logisticamente. Insomma, ci sono molti aspetti che devono essere valutati ed affrontati correttamente per ottenere un risultato positivo. Mazzarani è disponibile mentre mi sembra che tutti gli altri ragazzi siano in buona forma”.

Qui Olbia, l’allenatore dei sardi Max Canzi: “Il lavoro su noi stessi è sempre quello più importante. In questa prima parte di stagione non siamo riusciti a esprimere, se non a sprazzi, il nostro vero potenziale. Dobbiamo iniziare a esplorarlo e a sfruttarlo al massimo per dare ragione alle nostre ambizioni: siamo consapevoli di aver raccolto sinora meno di quanto avremmo meritato e sono convinto che l’ottimo lavoro settimanale dei ragazzi pagherà”. E sulla sconfitta di domenica scorsa e la scarsa vena realizzativa dell’ultimo periodo ha aggiunto: “A Pescara, dove abbiamo perso per un gol su palla inattiva, la squadra ha lavorato bene a livello difensivo e nella fase di non possesso. Contro un avversario del genere era importante esprimere compattezza, chiudere gli spazi e giocare con umiltà: ci siamo riusciti e di questo sono soddisfatto, poi certo ci è mancato qualcosa in fase di ripartenza. Non sono preoccupato perché, salvo qualche raro caso, la squadra ha sempre costruito occasioni e segnato con regolarità. È chiaro che, a seconda del momento che si sta attraversando, possano mancare un po’ di serenità e intraprendenza in assenza delle quali si gioca in maniera più prudente, come per esempio a Pescara. Ma è proprio per questo che dobbiamo imparare quanto prima a giocare con equilibrio: la buona esecuzione di una fase non deve inficiare negativamente sull’altra”. Infine il pensiero sul prossimo avversario: “Il percorso della Carrarese sinora è stato diverso dal nostro. È partita in sordina, poi ha trovato consapevolezza e risultati migliorando la classifica. Dispone di una rosa di esperienza, con giocatori di categoria. Come tutte le squadre, però, ha dei punti deboli e noi su quelli abbiamo lavorato in settimana“.