Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Imolese 2-4 Carrarese, Di Natale: «Rivolgo un plauso grande alla squadra»

Il mister: «Voglio condividere la gioia della vittoria con società e tifosi»

FUORI PROVINCIA – Ecco le dichiarazioni di mister Di Natale dopo Imolese – Carrarese terminata 2 a 4.

Mister Di Natale: “Una gara immediatamente vivace in cui alla prima occasione creata i nostri avversari hanno centrato il bersaglio grosso. Obiettivamente, non siamo stati da meno e con Doumbia siamo stati bravi a recuperare così da non essere troppo condizionati rispetto al proseguimento della gara. Infatti, abbiamo continuato a giocare sciolti e, pressando alto, siamo stati in grado di recuperare palloni preziosi che ci hanno avvicinato più volte al raddoppio che poi è arrivato, sul finire del primo tempo, con Kalaj molto bravo a sfruttare la situazione da calcio a fermo. Nella prima frazione di gioco è stata assolutamente positiva la conduzione della gara e la tranquillità che abbiamo avuto nella gestione della palla con un parziale, a nostro favore, che avrebbe potuto assumere dimensioni più ampie. Nella ripresa non abbiamo fatto altro che confermarci dilagando con l’uno due, sotto-forma di prodezze, di Luci e Bramante in un secondo tempo a trazione anteriore in cui siamo andati in scioltezza da tutti i punti di vista.
Altro dato da evidenziare, non aver subito il ritorno dell’Imolese che è parsa annichilita e poco lucida nella reazione soprattutto per merito nostro, in quanti capaci di difenderci compatti non solo di reparto ma anche di squadra.
Una partita da incorniciare che ha determinato la prima vittoria in trasferta e quindi rivolgo un plauso grande alla squadra e voglio condividere la gioia della vittoria con la società e con i tifosi che anche oggi si sono fatti tanti chilometri e speriamo di averli ricompensati a dovere. Comunque, è da qualche gara che siamo in crescita sia come prestazione collettiva che in quelle individuali, ragion per cui sono convinto che non si tratti di una sorta di exploit episodico ma piuttosto una bella prova che abbiamo raggiunto buoni automatismi migliorandoci molto un po’ sotto il profilo tecnico e tattico ma soprattutto mentale. Ai ragazzi dico però che la sfida più importante è la prossima e quello che conta è imporsi con la Pistoiese, stando con i piedi per terra ma sapendo di potersela giocare contro tutti ad armi pari”.