Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Vigilia di Reggiana-Carrarese, le parole di mister Di Natale

"I ragazzi sono fisicamente pronti e mentalmente preparati a quello che ci puo' aspettare ma vedo nei loro occhi la voglia di giocarsi la partita"

In vista del turno infrasettimanale Reggiana-Carrarese, gara valida per la 6′ giornata del campionato di Serie C girone A, fischio d’inizio domani ore 21.00 “Mapei Stadium” di Reggio Emilia, ecco le dichiarazioni di mister Antonio Di Natale:
“Nei due precedenti turni casalinghi abbiamo fatto valere al massimo il fattore mura amiche rilanciando un po’ il nostro cammino. Non penso che si tratti di una sfida che valga come prova del nove perche’ e’ prematuro parlarne in quanto ci troviamo solo alla sesta giornata di canpionato. Il banco di prova non sara’ dei piu’ semplici, sul livello di Pescara e Siena e pertanto il nostro grado di concentrazione dovra’ superare il limite di guardia.
Sono curioso di verificare eventuali passi in avanti di fronte ad una compagine che e’ preparata tatticamente, unendo qualita’ tecniche e fisiche oltre che una bella dose di esperienza ed aver espugnato Siena e’ una bella dimostrazione di quella che e’ la forza dei reggiani. Il calcio proposto da Mister Aimo Diana e’ pratico ed immediato con un 3.5.2 capace di creare densita’ in fase difensiva per poi ripartire, con rapidi ribaltamenti di fronte, sulle corsie esterne. I ragazzi sono fisicamente pronti e mentalmente preparati a quello che ci puo’ aspettare ma vedo nei loro occhi la voglia di giocarsi la partita andando a Reggio senza particolari timori reverenziali. Vediamo se possono esserci novita’ di formazione iniziale visto che si e’ giocato poche ore fa e poi sarem di nuovo in campo dopo poco in questa settimana intensa. Un risultato positivo potrebbe rappresentare un bel viatico per il proseguimento del nostro campionato ed infatti da gare come queste possono scattare, nella testa dei giocatori, meccanismi di convinzione mentale che ti fanno affrontare il futuro piu’ serenamente, senza fossilizzarsi troppo sull’ansia da prestazione che poi diventa da risultato che incide negativamente sul rendimento di una squadra.”