Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

La Carrarese perde ma centra la salvezza. Di Natale: «Un punto sarebbe stato meritato»

Gli azzurri tirano un sospiro di sollievo grazie alla forbice. Il mister: «Solo una situazione di gioco, per altro dubbia, come quella accaduta al 91', avrebbe potuto cambiare un partita molto equilibrata»

ALESSANDRIA – Dopo l’esordio vincente di domenica scorsa, arriva anche la prima sconfitta per mister Di Natale. Sul terreno del Moccagatta, dopo una sfida sostanzialmente equilibrata con il risultato bloccato sullo 0-0, la beffa è arrivata nel finale con l’atterramento in area di Dabo da parte di Luci. Dal dischetto, il sinistro di Vrioni non ha lasciato scampo a Mazzini. La buona notizia di giornata in casa azzurra è che, grazie anche ai risultati di Pistoiese e Lucchese, la Carrarese è ufficialmente salva. La classifica al momento la vede quintultima, una lunghezza sopra l’ultimo posto della zona playout occupato dalla Giana Erminio, ma grazie al meccanismo della forbice non rischierebbe comunque gli spareggi salvezza, anche nel caso in cui dovesse terminare il campionato, domenica prossima, al sedicesimo o al diciassettesimo posto. Sono infatti 12, al momento, i punti che separano la Carrarese da Pistoiese e Lucchese. Il distacco potrebbe ridursi al massimo a 9 lunghezze, il che comporterebbe, per regolamento, la non disputa dei playout.

Non ha parlato però di salvezza mister Di Natale al termine della sconfitta del Moccagatta. Il mister azzurro si è soffermato piuttosto sulla prestazione dei suoi: “La squadra è scesa in campo con la giusta mentalità – ha analizzato -e ha cercato di rimanere stretta tra le linee leggendo i movimenti del reparto offensivo bianconero molto tecnico e veloce. Dopo una prima fase di studio in cui siamo stati ordinati in fase di non possesso senza concedere nulla alla Juventus U23, ci siamo alzati di qualche metro e con il baricentro spostato più in avanti abbiamo valorizzato meglio i nostri ultimi sedici metri e ci siamo proiettati nell’area avversaria con maggiore incisività. Il nostro miglioramento è stato, soprattutto, nello sfruttamento dell’ampiezza del campo con diversi cross che non abbiamo sfruttato per un non niente e che, probabilmente, ci ha fatto preferire ai nostri avversari. Nella ripresa, abbiamo tenuto il campo senza grossi problemi e solo una situazione di gioco, peraltro dubbia come quella accaduta al 91′, avrebbe potuto cambiare un partita molto equilibrata. Dispiace perdere così: un punto sarebbe stato più che meritato per la squadra.
A questo punto cerchiamo di prepararci per la prossima gara, lavorando in settimana e cercando di finire nel migliore modo possibile con la Pro Vercelli”.