Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Carrarese-Lucchese (3-1): le pagelle

Più informazioni su

CARRARA – Al termine del successo della Carrarese per 3-1 sulla Lucchese (in gol Manzari e Piscopo con una doppietta), queste le nostre pagelle.

MAZZINI 6. Praticamente inoperoso in tutti i 94 minuti, eccetto in alcune uscite alte nelle poche sortite offensive della Lucchese. Incolpevole nel gol della bandiera dei rossoneri.
VALIETTI 6.5. Torna nelle vesti del terzino incontenibile che ha solcato la fascia destra ai playoff, lo scorso anno. Arriva più volte sul fondo mettendo al centro cross interessanti, tesi e pericolosi.
MILESI 6. Puntuale nel gioco aereo e nelle coperture, impreciso in fase di impostazione, dove sbaglia anche passaggi banali.
MUROLO 7.5. Annulla completamente sia Bianchi che Petrovic. Oltre a giganteggiare sulle palle alte, ha il merito di chiudere dei filtranti pericolosi. Muro invalicabile.
BRESCIANI 7. Dopo settimane di panchina ritrova la maglia da titolare, grazie anche alla squalifica di Ermacora, e gioca una partita perfetta: rapido nelle chiusure e nelle diagonali, propositivo in fase offensiva con continue sovrapposizioni.
FORESTA 7,5. Come sempre tanta quantità, ma stasera ci mette anche la qualità: puntuale negli inserimenti con e senza palla, intelligente nel liberare spazi per i tagli di Manzari, e soprattutto abile nel gioco a due tocchi.
PASCIUTI 6.5. Posizionato play maker, impiega qualche giro di orologio per calarsi nella parte, ma alla distanza esce alla grande. Soprattutto nella ripresa detta perfettamente i tempi i giochi; sa quando addormentare il gioco e quando farlo ripartire veloce.
SCHIRÒ 7. Le sue qualità si conoscevano sin dall’inizio della stagione ma una parte di queste era rimasta inespressa. Gioca la sua miglior partita della stagione. Abbina la tecnica alla quantità: vince diversi contrasti spalla-spalla che permettono alla squadra di riconquistare palla e ripartire velocemente.
MANZARI 8. Devastante fisicamente e tecnicamente. Fin dai primi minuti fa vedere che è in serata: chiunque prova a contrastarlo finisce a terra: lui è un coltello e la difesa rossonera il burro. Firma il suo terzo gol in maglia azzurra andando in cielo per colpire di testa.
INFANTINO 6.5. Un giocatore ritrovato: corre, lotta con chiunque provi a contrastarlo e fraseggia bene con i compagni. Contribuisce a far salire la squadra tenendo palla.
PISCOPO 7.5. Dopo un primo tempo un po’ in ombra, nella ripresa ha il merito di trovare le due reti che chiudono il match, mostrando tecnica e una ritrovata freddezza sotto porta.
MARILUNGO 7. Il suo ingresso in campo dà maggiore vivacità e rapidità all’attacco azzurro. Serve gli assist decisivi per la doppietta per Piscopo. In occasione della terza rete manda in porta il compagno con una magia di tacco.
BORRI 6. Sostituisce un esausto Valietti e svolge egregiamente il compito di chiudere le sortite, seppur poche, della Lucchese nella sua zona di competenza.
DOUMBIA 6. Si mette in mostra con qualche accelerata e serpentina sulla fascia sinistra. In crescita costante dopo gli innumerevoli problemi fisici
AGYEI SV.

DI NATALE 8. All’esordio in panchina nei professionisti trova immediatamente i 3 punti. Ha il merito di aver portato una ventata di freschezza nel gruppo azzurro e nuove idee di gioco che hanno ricaricato le energie psicofisiche dei giocatori. Fa giocare a due tocchi, permettendo un possesso palla mai sterile e fine a se stesso. La squadra è corta e compatta, tutti attaccano e tutti difendono.

Più informazioni su