Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Gli azzurri cercano il riscatto al Moccagatta. Baldini: «Sfida insidiosa, non complichiamola»

Il trainer dei grigi Moreno Longo: «Ci vorrà il massimo rispetto e la massima consapevolezza dei nostri mezzi»

CARRARA – Dopo l’amara sconfitta interna contro il Novara, un’altra sfida importante per la Carrarese, impegnata questa sera alle 18 al “Moccagatta” di Alessandria per il posticipo della 27esima giornata. Grigi a secco di vittorie da cinque giornate (l’ultimo successo risale al 30 gennaio, giorno dell’1-2 sul campo dell’Olbia) e reduci da tre pareggi nelle ultime tre gare. Dall’altra parte gli uomini di Baldini, che sembravano aver recuperato forze fisiche e mentali dopo il 2-0 a Pistoia targato Doumbia-Marilungo ma che domenica scorsa sono incappati nell’ennesimo ko al Dei Marmi.

Capitolo assenze. L’Alessandria ha recuperato il centrocampista Bruccini e l’attaccante Eusepi. Out invece il difensore Macchioni, fermato dalla lombalgia. In casa gialloazzurra invece si dovrà fare i conti con qualche acciacco. Tolti i lungodegenti Rota, D’Auria, Grassini e Imperiale, rimane incerta la disponibilità di Bresciani, Luci e Murolo, usciti doloranti dalla sfida contro il Novara, ma che potrebbero comunque stringere i denti e scendere in campo. Un turno di squalifica invece per Agyei, dopo il giallo rimediato domenica scorsa.

Alla vigilia del match, mister Moreno Longo lo ha definito “una sfida affascinante contro una squadra che, negli ultimi anni, è sempre in competizione per i posti alti della classifica, con ottimi calciatori ed un’ottima organizzazione di gioco data da mister Baldini”. “Di conseguenza – ha sottolineato il tecnico dei grigi – ci vorrà il massimo rispetto e la massima consapevolezza dei nostri mezzi, che sono importanti, per giocarci al meglio le nostre carte”.

Baldini ha risposto così: “La gara di Alessandria è un appuntamento importante, una gara difficile contro una squadra fisica e qualitativa, ma in generale si affrontano due compagini di livello accumunate dal fatto di essere attardate nel proprio ruolino di marcia. Alla squadra chiedo di giocare come è nelle proprie corde ma alzando il livello di attenzione e di decisione nelle varie situazioni che possono determinare la partita. Il monito è quello di non amplificare le difficoltà, già di per sé consistenti, in una sfida ad alto tasso di insidie, mettendoci del nostro. Gli episodi negativi degli ultimi tempi che incidono penalizzando le nostre prestazioni devono lasciare il campo a circostanze che migliorano il nostro rendimento. Serve una buone dose di convinzione – ha aggiunto il trainer azzurro – senza pesare troppo le negatività che hanno ridimensionato il risultato o che ci hanno compromesso totalmente esito. Le nostre prestazioni ci sono state sempre e ciò deve rappresentare traino per tutti i nostri prossimi impegni che mettono in palio tanti punti per recuperare posizioni”.

Le probabili formazioni:
ALESSANDRIA (3-5-2): Pisseri; Prestia, Di Gennaro, Sini; Chiarello, Casarini, Giorno, Di Quinzio, Celia; Arrighini, Corazza.
CARRARESE (4-2-3-1): Pulidori; Pasciuti, Borri, Milesi, Ermacora; Luci, Foresta; Caccavallo, Piscopo, Giudici; Marilungo.