LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Baldini: «Gli errori si pagano. Ora bisogna tener botta, è ancora tutto in ballo»

La Pergolettese si impone allo Stadio dei Marmi. Luci: «Buona partita per 60 minuti anche se troppo lenti nella manovra. Peccato, avevamo creato le occasioni per passare in vantaggio»

CARRARA – Tre sconfitte nelle ultime partite disputate allo Stadio dei Marmi: il fattore “mura amiche” per la Carrarese non funziona. Il ko di oggi contro la Pergolettese va ad aggiungersi a quelli con Alessandria e Renate, con quest’ultima che, grazie alla vittoria sulla Giana Erminio, si porta a +6 sugli azzurri. Molti si aspettavano probabilmente un atteggiamento attendista da parte della squadra di De Paola, previsione completamente smentita dalla partenza sprint degli ospiti sia nel primo che nel secondo tempo, con un pressing alto a fermare sul nascere ogni iniziativa marmifera. La loro tenacia è stata premiata con una ripartenza all’83esimo finalizzata da Piccardo, che poco dopo ha firmato il bis sfruttando un clamoroso errore di Agyei. A poco è servito il rigore di Infantino allo scadere.

“Purtroppo quando si fanno degli errori si pagano e la conseguenza è il risultato – ha ammesso amaramente Baldini nel post partita -. Però è tutto ancora in ballo, in questi casi bisogna tenere botta e non farsi prendere dalla depressione dalla tristezza, anche se è un momento amaro perché queste sconfitte danno fastidio. Però non ci può far altro. Si accetta e si ricomincia. Le tre sconfitte in casa? Sicuramente non è un caso, significa che qui al Dei Marmi c’è qualcosa che bisogna cercare di registrare”.

A commentare la sconfitta si è poi aggiunto Luci: “Abbiamo fatto una buona partita nei primi 60 minuti, anche eravamo forse un po’ troppo lunghi e lenti nella manovra. Peccato, perché avevamo creato buone occasioni per passare in vantaggio e poi per due disattenzioni abbiamo preso due contropiedi, perdendo alla fine una partita per me in modo immeritato. Ma il calcio è questo e dobbiamo accettare il risultato, cancellare la partita e pensare già alla prossima. Il campionato è lungo. Andremo a Como per cercare di vincere, sappiamo che incontreremo una squadra forte quindi ci vorrà molta attenzione e determinazione per tutti i 90 minuti, cosa che forse è mancata oggi”.