LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Carrarese-Olbia (3-0): le pagelle

Tutti promossi per una prestazione di carattere e spessore che dà continuità al successo di Livorno

CARRARA – Un tris firmato Foresta-Infantino-Manzari stende l’Olbia di mister Canzi e permette alla Carrarese di centrare il terzo posto in classifica, a -3 punti dalla capolista Renate.
Di seguito le nostre pagelle:

MAZZINI 7. Si prende qualche rischio uscendo spesso dall’area per intervenire di testa sugli avversari lanciati in profondità. Lo fa sempre con grande sicurezza, anche se questa volta un’uscita troppo avventata su Udoh gli costa il cartellino giallo. Si riscatta subito dopo con un grande intervento sulla semi-rovesciata di Pennington.

VALIETTI 7. Mostra grande intesa con Caccavallo e si fa vedere con diverse sovrapposizioni, specie nel primo tempo. Nella ripresa partecipa all’azione che porta al 3-0 servendo un cross al volo intercettato dalla difesa ospite ma su cui poi, alla fine, si avventa Manzari.

BORRI 7. Ancora una volta impeccabile nell’anticipo. Mostra qualità anche quando prova a giocare la palla, offrendo ottime aperture per i compagni.

MUROLO 6.5. Solito gigante al centro della difesa. Sbaglia solamente in un’occasione quando nella ripresa, in ritardo su Gagliano servito dalla sinistra, lo lascia colpire di testa indisturbato sul primo palo. Costretto a lasciare anzitempo il campo per infortunio.

IMPERIALE 7. Sulla fascia sinistra è sempre un pericolo per gli avversari. Nel primo tempo mette un’ottima palla al centro dell’area per Infantino che sciupa sparando alto. Nella ripresa ottimo il recupero su Udoh, inseritosi tra lui e Borri.

LUCI 7. Leggermente in ombra rispetto ai suoi standard nella prima frazione di gioco, con qualche pallone sbagliato di troppo. Nel secondo tempo cresce in maniera esponenziale prendendo il controllo del centrocampo e guidando la manovra da vero leader.

FORESTA 7.5. Altra prestazione maiuscola dopo quella dell’Armando Picchi da parte del motorino azzurro, questa volta impreziosita dal gol che apre il match e spiana la strada per la vittoria. Assieme a Luci forma un centrocampo robusto ma anche di qualità.

CACCAVALLO 7.5. Ogni volta che ha la sfera tra i piedi nasce un pericolo per la difesa avversaria. Compie un’autentica magia prima di fornire ad Infantino il più semplice dei palloni, dribblando secco a rientrare e lasciando sul posto l’avversario. Una spina nel fianco per i sardi per il resto del match.

PISCOPO 7. Conferma la crescita già vista a Livorno. Sempre pericoloso con i suoi inserimenti in profondità, prezioso questa volta anche nei momenti in cui si abbassa a ricevere palla per poi offrire aperture con il contagiri per gli esterni.

CALDERINI 7.5. Imprendibile sulla fascia sinistra. A inizio match si procura un calcio di rigore che però l’arbitro non concede, poi apre in maniera perfetta per Caccavallo nell’azione che porta al raddoppio di Infantino. Nel resto del match dà il meglio di sé con velocità e dribbling.

INFANTINO 7. Grazie alla verve sia di Calderini che di Caccavallo riceve tutti i palloni che erano mancati nell’avvio di stagione. Ancora una volta timbra il tabellino dei mercatori con un colpo di tacco a beffare il portiere ospite. Pericoloso in altre occasioni con i suoi tagli sul primo palo.

GRASSINI 6.5. Conferisce alla fascia destra corsa e personalità. Prova ad innescare una ripartenza sul finale con un grande recupero palla poi, poco dopo, tenta l’assist per Infantino che di poco non arriva a deviare in rete.

ERMACORA 6.5. Subentra all’infortunato Murolo andando a presidiare la fascia sinistra con Imperiale spostato al centro della difesa. Ancora una volta risponde nel migliore dei modi, recuperando palla prima su Udoh e poi su Gagliano, neutralizzando così i pochi pericoli creati dai sardi nel finale di partita.

SCHIRO’ 6. Gestisce insieme a Luci i tempi ed il gioco negli ultimi 25 minuti con il solo compito di difendere il triplo vantaggio.

MANZARI 7. Posizionato nell’insolito ruolo di esterno sinistro realizza il suo primo gol tra i professionisti con un potente sinistro di controbalzo. In crescita anche nei duelli fisici con gli avversari.

DOUMBIA 6. Gioca gli ultimi scampoli del match da esterno destro sfiorando anche il primo gol stagionale. Non ancora al top della forma a causa dei recenti guai muscolari, manca ancora negli spunti in velocità. Efficace invece nello stretto.

BALDINI 8. Poteva sembrare scontato ipotizzare una vittoria netta degli azzurri, ma in Serie C non sempre i favoriti sulla carta riescono a spuntarla sugli avversari di bassa classifica. Una lezione che la Carrarese ha imparato lo scorso anno, quando in terra sarda era stata sconfitta per 3-1. Questa volta però gli azzurri sono scesi in campo con la giusta mentalità fin dal primo minuto, dando continuità alla bella prestazione di Livorno mostrando continui progressi sul piano del gioco e ritrovando, finalmente, anche i gol su azione. Il tecnico marmifero sceglie di non cambiare nulla rispetto all’undici iniziale sceso in campo una settimana prima. E il campo gli dà ragione.