Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Carrarese-Piacenza (1-1): le pagelle

CARRARA – Secondo pari stagionale per la Carrarese, che contro il Piacenza si deve accontentare dell’1.1. Primo tempo dominato sul piano del gioco dalla squadra di Baldini, punita però dall’unica occasione creata dagli ospiti, con la complicità peraltro di un errore difensivo. Nella ripresa pareggio azzurro firmato da Infantino dagli undici metri. Poco dopo l’espulsione di Borri, che lascia i compagni in inferiorità numerica nel finale di match.

Di seguito le pagelle degli azzurri:

MAZZINI 6. Si fa trovare pronto nelle poche occasioni in cui il Piacenza lo chiama in causa. Non può nulla sul gol di Corbari.
GRASSINI 6. Fin da subito molto propositivo: le sue sovrapposizioni avvengono sempre con i tempi giusti. Deve migliorare la precisione nei cross.
BORRI 5. Non ha la brillantezza delle precedenti gare, ma soprattutto commette un fallo ingenuo nel tentativo di recuperare una palla che gli costa l’espulsione.
ROTA 6. Giocatore estremamente duttile, oltre che dalle grandi qualità tecniche. Ovunque lo si piazzi in difesa, non incontra difficoltà di adattamento.
IMPERIALE 6. In ritardo sulla diagonale in occasione del gol di Corbari, ma per il resto del match conferma la sua propensione alla fase di spinta con buona corsa e precisione nel cross. Suo l’assist al bacio per la rete di Infantino annullata ingiustamente dal direttore di gara.
LUCI 6,5. Più in difficoltà del solito, soprattutto nel primo tempo, nel gestire la manovra. Recupera tuttavia con una prestazione maiuscola nel momento di massima emergenza, quando va a posizionarsi al centro della difesa al posto dell’espulso Borri e, con giocate e trucchi da veterano, annulla completamente l’attacco ospite.
PASCIUTI 6: In mediana accanto a Luci è meno nel vivo del gioco rispetto alle ultime gare in cui Baldini lo aveva schierato trequartista. Gioca comunque una buona gara, andando spesso a cercare il lancio in profondità per i compagni.
PAVONE 5,5: Soffre la fisicità degli avversari e non riesce a creare pericoli sulla fascia destra. Viene sostituito dopo 35 minuti.
FORESTA 6,5. Nel primo tempo, in una posizione più avanzata rispetto al suo solito, non riesce a dare un grande contributo. Nella ripresa, soprattutto durante l’inferiorità numerica rincorre gli avversari a tutto campo e riconquista una grande quantità di palloni. La sua grinta e la sua corsa si rivelano fondamentali per portare a casa il pari.
CALDERINI 5,5: un passo indietro rispetto alla gara contro il Pontedera. In difficoltà in quasi tutti i duelli con gli avversari.
INFANTINO 6,5. Fa a sportellate con la difesa ospite e segna 2 gol, uno annullato ingiustamente per un clamoroso abbaglio del guardia linee. Dal dischetto si conferma infallibile. Da sottolineare anche il sacrificio del bomber azzurro nel momento di emergenza, che al 93′ rincorre un avversario fino ai pressi dell’area di rigore recuperando palla e conquistando un fallo prezioso.
PISCOPO 5. Ha enormi qualità ma non le sfrutta. Non trova mai la giocata giusta e soffre il maggiore agonismo degli avversari, perdendo quasi tutti i duelli.
CAIS 5. Ancora lontano dalla migliore forma fisica. Prova diverse volte lo scatto ma non gli riesce. E’ evidente che la fascia non è la sua zona ideale.
MANZARI 5,5: Esordisce forse nella partita più difficile fin qui disputata dalla Carrarese, e nel momento peggiore. Baldini lo schiera sulla fascia destra per conferire ancora più qualità all’attacco, ma l’esterno ex Sassuolo non riesce a dare un contributo concreto.
BALDINI 5,5: La solidità difensiva che la Carrarese sta dimostrando in questo avvio di campionato è un ottimo punto a favore. Tuttavia al momento mancano imprevedibilità e concretezza in attacco. Considerata l’ottima prova di Pasciuti come trequartista nella gara contro il Pontedera, il tecnico azzurro poteva confermarlo in quella posizione. Sceglie invece di schierare Foresta alle spalle dell’attacco, che alla fine non si rende mai pericoloso. Infine opta per la sostituzione di Pavone al 35′ del primo tempo, facendo entrare un Piscopo piuttosto spento.