Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Prima Categoria, il punto dei protagonisti

Per Romagnano e Serricciolo parlano i direttori Panizzi e Ruffini. Per il Don Bosco Fossone si esprime Batman Agnesini

Più informazioni su

    Il girone della prima categoria registra il rallentamento della capolista Torrelaghese, dopo la straordinaria striscia positiva di sei vittorie consecutive la “corazzata” giallo-viola di mister Alfredo Casani porta a casa solo un punto dopo il pareggio nel derby contro i cugini del Forte dei Marmi. A rosicchiare due lunghezze sulla prima della classe sono i versiliesi del Pietrasanta battendo il Don Bosco Fossone (con qualche polemica e recriminazione degli ospiti) si sono portati a tre punti dalla squadra leader. Delle nostre tre rappresentanti solo il Romagnano di mister Paolo Alberti sorride dopo aver rimandato battuto i lucchesi del Molazzana, i tre punti cinquistati da Matteo Costa & soci proiettano il club ad una lunghezza dai play off.

    Di seguito le parole del diesse Gabriele Panizzi:Domenica è andata bene, una bella bella vittoria che corona la settimana di duro allenamento svolto dai nostri ragazzi sotto la guida del nostro mister. Partita gran parte sotto il nostro controllo salvo concedere qualche azione da gol dalla metà del secondo tempo  in poi. Piano piano stiamo recuperando qualche elemento importante come Marco Granai e capitan Andrea Dell’amico, mi auguro arruolabile dalla prossima  giornata. Non sempre si può vincere ma l’importante è stare tranquilli e cercare di dare sempre il massimo dal lunedì alla domenica.”

    Dove va tutto storto è in casa del Serricciolo, nell’ultimo turno  i “galletti” di mister Giorgio Chelotti hanno  rimediato la terza sconfitta di fila con il costante fisso di quattro gol al passivo. Il punto della situazione è nell’analisi del direttore sportivo Mirko Riffini; “Evidente che c’è un problema, ma è solo di risultati, veniamo da tre pesanti stop, però per quello che mi riguarda, come diesse non mi sento sotto accusa, perché la squadra a disposizione c’e’ . Diciamo che la malasorte si è accanita sui nostri confronti, quando su 20 ragazzi ti presenti per diverse partite in undici più giocatori della formazione juniores aggregati, perchè il resto della rosa sono infortunati di lungo corso, o squalificati etc.. è ovvio che è difficile fare risultato specialmente  con certe squadre. Per cui sono sereno, questa situazione ci obbligherà a tornare sul mercato, valutare certe situazioni, per ora non c’è nessun allarmismo, l’ambiente e il gruppo è compatto, certo il buon umore durante la settimana viene meno. Certo le sconfitte creano  malumore, chiacchiere e quant’altro evidente, sono certo che su 20 giocatori della prima squadra, quando ne avevo 16 a disposizione abbiamo fatto bene vincendo fuori casa a Fossone e nel match interno con il Molazzana. Sono state le uniche due che si aveva una rosa più o meno accettabile, questo è il dato di fatto del nostro momento.”

    Chi esce sconfitto dal match in casa del Pietrasanta (uno dei club più accreditati per la vittoria finale di questo campionato) è il Don Bosco Fossone, durante e nel dopo gara c’è molto rammarico da parte dei protagonisti giallorossi di mister Massimo Taurino, per alcune decisioni e clamorose valutazioni del direttore di gara. Portavoce del club giallo rosso è Gianluca Agnesini portiere con lunga militanza nei professionisti e tanti campionati nei dilettanti di alto livello: “Senza togliere niente al Pietrasanta, che è una delle migliori squadre incontrate fino adesso una delle pretendenti a mio vedere a vincere il campionato. Anche in questa domenica(l’ennesima)  è successo un errore grave, sempre a nostro sfavore, passati in vantaggio ci siamo visti annullare una rete assolutamente regolare da calcio d’angolo con giocatore locale sul palo. Episodio confermato anche dagli avversari in campo dicendomi che il goal era assolutamente regolare quindi da trovarci in vantaggio sul ribaltamento improvviso con palla in movimento ci siamo trovati in svantaggio. Il  forte Pietrasanta- conclude il capitano –  avrebbe vinto lo stesso, con il nostro vantaggio avrebbe cambiato le cose  in campo, loro  dovevano  spingere e rischiare di più per pareggiare anche perché fino a quel punto stavamo veramente reggendo botta e ribattendo colpo su colpo ai padroni di casa. Da capitano ho chiesto subito spiegazioni all ‘arbitro che  subito senza nemmeno rispondere mi ha ammonito subito, questa è stata la risposta all’episodio avvenuto sotto gli occhi di tutti i presenti alla partita. Spero per il proseguo della nostra stagione  certi fatti non si verificano.”

    Più informazioni su