Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Massese, gettate le basi per il settore giovanile

Gino Gassani sarà il responsabile e Roberto Franchini il direttore tecnico con l'ausilio di Marco Rebughini e Matteo Centi.

La Massese ha presentato ieri allo Stadio un progetto con  l’obiettivo di rifondare il settore giovanile. Gino Gassani sarà il responsabile e Roberto Franchini (foto) , per lui un ritorno dopo la breve parentesi di sette anni fa, il direttore tecnico con l’ausilio di Marco Rebughini e Matteo Centi.
“A due anni dal nostro insediamento – si legge nel comunicato ufficiale della società zebrata – a testimonianza della crescita continua della Società che con sacrificio, passione e una smisurata volontà intende tenere fede alle promesse fatte, con grandi sforzi economici da parte degli azionisti e grazie anche al fondamentale apporto di diverse realtà economiche del territorio, come la Elettromatec, Fonteviva, Ezio Fialdini e molte altre. Finalmente la nostra gloriosa Società potrà tornare, come da tradizione, ad avere un settore giovanile e una scuola calcio, elementi fondamentali per la proprio crescita. Per dare forza e concretezza al progetto, è stata presa in gestione una importante struttura del territorio che sarà la nostra casa, il nostro quartier generale per la scuola calcio, e un’altra struttura per l’attività a undici per favorire meglio la crescita dei futuri giocatori bianconeri». In tutto questo, la dirigenza apuana tiene a sottolineare un aspetto non certamente secondario:«Con l’inizio della scuola calcio e l’attività del settore giovanile – si legge ancora nel comunicato – ricordiamo che nulla sarà dovuto come quota mensile per l’attività sportiva, ma esclusivamente il pagamento del kit di allenamento e di rappresentanza al momento dell’adesione, pari a 180 euro. La Massese augura allo staff un percorso ricco di soddisfazioni sia personali che collettive e intende già da ora ringraziare di cuore tutte quelle famiglie che ci daranno fiducia, promettendo loro il massimo impegno e grande dedizione alla causa».