Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Superlega, Borghini: “A rischio il professionismo della terza serie del calcio italiano”

L'ex-candidato alla presidenza della Lega Pro commenta i fatti delle ultime ore: "La Serie C rischia di uscire con le ossa spezzate, subito cambiamenti"

Più informazioni su

    Un tema che sta scaldando le piazze calcistiche di tutta Europa ma che nelle ultime ore ha avuto più opposizioni che adesioni. Dopo la Germania ha abbandonato in blocco il progetto anche l’Inghilterra e tra le big italiane l’Inter ha già dato forfait. La superlega, un processo piramidale che necessariamente andrebbe a modificare gli equilibri anche dei campionati professionisti minori. A parlare delle criticità che riscontrerebbe la Serie C è il “carrarino” Andrea Borghini, ex-candidato alla presidenza della Lega Pro.

    “Le notizie delle ultime ore mettono a rischio il professionismo della terza serie del calcio italiano. E’ inevitabile un gravissimo contraccolpo nella Serie C a partire dai finanziamenti e dagli sponsor. I contraccolpi li inizieremo ad avvertire tra qualche settimana. Quello che sta accadendo in queste ore è un profondo riposizionamento dell’intero sistema calcio ed è in primis una questione economica. La Serie C avrà abbastanza spalle forti per sopportare tutto ciò? Temo di no. E penso ai tanti presidenti che ogni giorno fanno sacrifici per mantenere le squadre nel professionismo. Non possiamo sapere come andrà a finire – prosegue Borghini – ma una cosa è certa la Serie C ha bisogno di cambiamenti e di essere completamente ripensata. Altrimenti quando sarà obbligata a farlo sarà troppo tardi”.

    Borghini ribadisce poi l’importanza di puntare sui giovani: “Quando ho parlato di una coppa europea delle terze serie nel programma di candidatura qualcuno si è messo a ridere, altri pensavano stessi scherzando. A queste persone rispondo ora dicendo di guardare quello che sta accadendo. La strada è una sola: puntare sui giovani. Fare diventare la serie C il serbatoio delle giovani promesse solo così si potrà salvaguardare il suo appeal e dare un futuro”.

     

    Più informazioni su