LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Dilettanti, ripresa si ma se in zona bianca

Con il nuovo DCPM riparte tutto ma se la regione rientra nella nuova zona bianca, con indice di contagio (l'Rt) sotto 0,5. Attualmente nessuna regione si avvicina anche se per la Toscana non è un miraggio

Più informazioni su

Ancora brutte notizie per il mondo dilettantistico e del settore giovanile: se come sembra il nuovo Dpcm in vigore da sabato 16 durerà fino ad almeno il 5 marzo, con le limitazioni confermate per lo sport, allora la stagione dei dilettanti sarà davvero terminata.

Cercando di sintetizzare, la novità di quest’ultimo DPCM è l’introduzione della zona bianca, zona nella quale attualmente non rientra nessuna regione. Per il resto confermate le altre fasce differenziate con l’aggiornamento delle soglie dell’indice Rt che sarà pari a 1 per la zona arancione, e a 1.25 per la zona rossa. Tra le novità in area gialla (indice di contagio sotto l’1) lo stop alle 18 per l’asporto per i bar, mentre via libera per l’apertura dei musei.

L’obiettivo di tutte le regioni sarà riuscire a rientrare in zona bianca (indice di contagio sotto lo 0,5) che dovrebbe comportare un ritorno ad una semi-normalità: qui cadono le limitazioni per bar e ristoranti e possono riaprire, nel rispetto di specifici protocolli, le attività rimaste chiuse come teatri, cinema, palestre, piscine, scuole e sport regionali dilettantistici. Come suddetto però attualmente nessuna regione rientra in zona bianca, anche se la Toscana (il cui Rt oggi balla tra 0,9 e 1) è tra le regioni che potrebbe sperarci.

Il punto è che i tempi stringono e un altro mese senza attività diventerebbe veramente un problema per il calcio dilettantistico. Qualche speranza in più rimane per l’Eccellenza, legata alle decisioni della Serie D, che avrà la necessità di completare l’organico per la stagione 2021/22, e per la quale la ripartenza potrebbe essere scollegata dalla relativa zona. Ovviamente ciò che conta è la salute pubblica e quindi non rimane altro che aspettare le decisioni ufficiali del governo nella speranza che calino i contagi.

 

Più informazioni su