LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Massese, Benedetti: “Aver raddoppiato i miei compiti mi rende orgoglioso”

La chiacchierata del sabato mattina in un insolito autunno senza calcio è con il collaboratore tecnico di mister Gassani Nicola Benedetti, ragazzo molto preparato che a soli ventiquattro anni è già in possesso dei diplomi di allenatore Uefa B e Uefa C

Più informazioni su

MASSA- La chiacchierata del sabato mattina in un insolito autunno senza calcio è con il collaboratore tecnico di mister Gassani Nicola Benedetti, ragazzo molto preparato che a soli ventiquattro anni è già in possesso dei diplomi di allenatore Uefa B e Uefa C.

C’è uno staff molto completo, quali sono le tue specifiche mansioni? “Insieme al mister studiamo le metodologie di allenamento adattandole agli obbiettivi che vogliamo raggiungere nella singola seduta. In più mi occupo dello studio della gara nostra con l’attenzione sugli errori commessi in quanto poi verranno analizzati sul campo e ci si andrà a lavorare per non ripeterli. Da quest’ anno le stesse mansioni le svolgo anche nella Juniores con mister Maurelli. Aver raddoppiato i miei compiti mi rende orgoglioso perché vuol dire che sto lavorando nella giusta maniera”.

Che differenze noti con l’anno precedente? “Parlare del passato nello specifico è sempre antipatico. Posso solo dire che si sapeva che quella passata sarebbe stata una stagione difficile perché non si è avuto il tempo per poter programmare e così è stata ma ci ha insegnato molto. Non voglio fare paragoni, dico solo che quest’ anno c’è una grande disponibilità al lavoro e grandi qualità individuali. Questo ultimo aspetto permette ad un allenatore di vedere in campo sviluppate le proprie idee. La Massese quest’anno gioca il calcio che vuole mister perché ci sono gli interpreti giusti ed in virtù di ciò che finora ho visto ho sensazioni molto positive per il futuro”.

Quanto hai imparato in queste sue stagioni con mister Gassani? “Con Matteo ho un rapporto importante fuori dal campo dove lo reputo un fratello maggiore. In campo è il mio mentore e giornalmente cerco di carpire i “trucchi” del mestiere” vista la sua preparazione e la sua esperienza e nessuno meglio di lui può migliorarmi. Gli sono grato per l’opportunità che mi ha dato e ogni giorno darò il massimo per ricambiare la fiducia”.

Sei allenatore Uefa B, ti sentiresti pronto per una prima squadra? “Ora come ora, visto e tenuto conto della mia giovane età, nonostante abbia conseguito il corso Uefa B a mio parere ho ancora molto da imparare prima di poter allenare una prima squadra e ho ancora da fare molta gavetta.”

Dicono che sei molto preparato tatticamente, tipo uno Stramaccioni dell’Eccellenza… ” Innanzitutto ringrazio tutti coloro che pensano ciò, perché nel calcio gli attestati di stima portano entusiasmo che è basilare per accrescere la voglia di imparare e di migliorarsi. Ho tanta passione che mi porta a studiare situazioni che possono dare una mano nella crescita della squadra, sento molto la stima da parte del mister e il poter essere utile mi rende orgoglioso.”

Qual è la situazione COVID nella squadra, tutti negativi o ci sono ancora positivi? “La situazione sta tornando alla normalità. Siamo stati investiti come un ciclone da questa situazione ma piano piano ne stiamo uscendo, spero che si torni alla normalità il prima possibile”.

Fai un tuo pronostico su quale sarà il podio. Fine campionato, se mai ripartirà… “Campionato duro e molto equilibrato. Il nuovo format non concede molti errori, quindi alla fine vincerà la squadra che avrà sbagliato di meno e che sarà stata più continua. Tra le pretendenti ci sarà sicuramente la Massese che ha dimostrato di avere i requisiti giusti per recitare un ruolo da protagonista”.

Più informazioni su