LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Spadafora: “Voglio il ritorno dei tifosi”

"Dare date in questo momento è errato. Dobbiamo vedere tra due settimane, dopo l'apertura delle scuole, quale sarà il numero dei contagi"

Più informazioni su

Ancora un mese prima di capire se sarà possibile riaprire gli stadi. Il governo pare sia intenzionato a seguire le indicazioni degli scienziati che suggeriscono di attendere gli effetti sui contagi dell’apertura delle scuole a la ripresa dei trasporti pubblici con una capienza all’80 per cento. Analogo discorso vale per la quarantena: non sarà ridotta fino a che non ci sarà la certezza che non sia dannoso per il controllo della diffusione del coronavirus.

Per quanto riguarda il ritorno dei tifosi allo stadio gli scienziati sono però convinti che sia impossibile tenere sotto controllo l’ingresso e l’uscita degli spettatori e anche il distanziamento sugli spalti. Problema che a detta degli esperti non sarebbe risolto neanche se fosse reso obbligatorio l’uso delle mascherine. L’attuale Dpcm scade il 7 ottobre e dunque se ne riparlerà tra qualche settimana, quando si avrà anche un quadro più chiaro rispetto alle conseguenze della riapertura delle scuole sulla circolazione del Covid-19.

Per i dilettanti ricordiamo invece che è consentita la partecipazione del pubblico a singoli eventi sportivi di minore entità a patto che non superino il numero massimo di 1000 spettatori per gli stadi all’aperto e di 200 spettatori per impianti sportivi al chiuso.

Fiducioso comunque il Ministro per le Politiche giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora che, intervenuto ai microfoni della trasmissione radiofonica “Punto Nuovo Sport Show”, ha commentato come segue: “Dare date in questo momento è errato. Dobbiamo vedere tra due settimane, dopo l’apertura delle scuole, quale sarà il numero dei contagi. Il mio auspicio è che i tifosi tornino allo stadio. Siamo stati rigorosi quando ce n’è stato bisogno, grazie a questo siamo riusciti a partire con il campionato”.

Riaprire non solo gli stadi: “Il mio obiettivo non è soltanto l’apertura degli stadi, ma anche tutte le strutture per le altre competizioni. Faccio i migliori auguri ai presidenti e alle società, affinchè tutti possano ripartire nel migliore dei modi”.

Fonte: tuttocampo.it

Più informazioni su