LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Don Bosco Fossone, Agnesini: “La mia esperienza a disposizione dei ragazzi”

Allenerà i Giovanissimi A 2006: “Far crescere gli atleti su aspetti come la coordinazione, la tecnica e creare la giusta mentalità ed educazione sportiva”

Più informazioni su

FOSSONE- La parola oggi ad una persona che ha dedicato tanto della sua vita al ruolo del portiere, passando attraverso il calcio professionistico e dilettantistico per poi mettersi a completa disposizione dei giovani calciatori del Don Bosco Fossone. Stiamo parlando del carrarino Gianluca “Batman” Agnesini.

Il “portierone” mette i guanti le prime volte nella Scuola Calcio del Milan Carrara per poi passare dodicenne alla Cremonese e percorrere tutta la trafila nel settore giovanile grigiorosso arrivando fino alla Primavera. Prosegue il cammino nei professionisti nello Spezia in C1, Venezia in Serie B, Imperia in Serie D e C2 e Virtus Entella. Poi il passaggio ai dilettanti con la Portuale e la San Marco Avenza dove gioca da capitano fino al 2018. Nella scorsa stagione arriva la chiamata del Don Bosco Fossone: nel doppio ruolo, allenatore nel settore giovanile (Esordienti e Giovanissimi) e portiere della Prima Squadra, fa presto a diventare uno dei tasselli fondamentali dello staff giallorossoblu.

Sentiamo cosa ha da dirci:

Ormai ti possiamo chiamare mister a tutti gli effetti, raccontaci la tua esperienza come allenatore: “La mia esperienza come allenatore è all’inizio dato che ho giocato fino a 40 anni e alleno da 3 anni,  dopo aver preso il  patentino Uefa C”.  

Qual è il tuo obiettivo? “Migliorarmi sempre più, mettere la mia esperienza a disposizione dei ragazzi  e insegnargli anche l’onore della maglia, cosa ormai sconosciuta, colpa anche di campagne acquisti nei ragazzi così giovani molto discutibili, spero che si intervenga al più presto. I miei obiettivi si sposano tutti con quelli della società Don Bosco Fossone e sono quelli di creare un ambiente sano, dove far crescere gli atleti su aspetti come la coordinazione, la tecnica e creare la giusta mentalità ed educazione sportiva”. 

 

Più informazioni su