LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Osteopatia, contrattura del muscolo ileo-psoas nei calciatori

A cura della dott.ssa *Manon Mottini

Più informazioni su

    L’ileo-psoas è uno dei muscoli meno conosciuti ma ha fondamentali caratteristiche:

    *È il muscolo più profondo del corpo ed è l’unico che collega la colonna vertebrale agli arti inferiori.
    *Contribuisce sia alla stabilità sia al movimento del tronco e delle gambe permettendoci di stare in piedi e di camminare.
    *È considerato un muscolo viscerale poiché prende rapporti anatomici con il diaframma, colon, reni e ureteri.

    Uno sport come il calcio, che implica movimenti ripetitivi come calciare il pallone, richiede una continua attivazione di questo muscolo poiché la sua principale azione è la flessione dell’anca. Eccessivi carichi di lavoro, traumi o posture scorrette possono causare dunque una contrattura dell’ileo-psoas che determinerà poi cambiamenti posturali. Solitamente la contrattura si sviluppa dalla parte del piede dominante poiché si richiedono un uso ripetitivo e un lavoro maggiore del muscolo.
    È importante sottolineare che colpisce circa il 10-18% dei giocatori e che causa sia dolore sia riduzione delle prestazioni sportive.

    SINTOMATOLOGIA

    La contrattura dell’ileo-psoas può manifestarsi con dolore in zona inguinale (pubalgia) o nella regione bassa della schiena (lombalgia). La sintomatologia si accentua non solo durante l’allenamento nei movimenti che implicano una flessione d’anca quindi calciando, ma anche nella quotidianità come ad esempio nel piegarsi in avanti e lateralmente col busto e passando da una posizione seduta in piedi.

    POSTURA

    Calciare in modo asimmetrico (con il piede dominante) contribuisce a creare uno squilibrio muscolare a livello del tronco e degli arti inferiori e favorisce disfunzioni a livello vertebrale.

    Nel caso la contrattura dell’ileo-psoas sia monolaterale (solo da una parte) si riscontreranno una superiorità del bacino dalla stessa parte e una debolezza della muscolatura glutea e degli ischio-crurali.

    Nel caso la contrattura sia bilaterale (sia destra sia sinistra) si osserverà un aumento della lordosi lombare con antiversione del bacino, aumento del tono della muscolatura lombare posteriore e una debolezza dei muscoli addominali e ischio-crurali.

    TRATTAMENTO

    L’osteopatia può essere di grande aiuto in caso di contrattura dell’ileo-psoas perché il trattamento manuale agisce sia sulla postura scorretta sia sulla zona interessata e sul muscolo stesso. L’approccio osteopatico manuale include tecniche d’inibizione muscolare, mobilizzazione articolare, manipolazioni vertebrali, tecniche viscerali e cranio-sacrali con lo scopo di ridare mobilità articolare e riequilibrare l’organismo.
    Anche esercizi di stretching dello psoas sono molto efficaci.

    *Dott.ssa Manon Mottini
    Osteopata D.O, M.Sc (UK)
    Per info e chiarimenti: +39 3356524986
    Facebook: Osteopata Manon Mottini

    Più informazioni su