Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Città di Massa, pareggio interno contro Città di Mestre

Prestazione convincente dei bianconeri che sfiorano la vittoria con Pichi Galàn che mette in rete il pallone con qualche centesimo di ritardo rispetto al suono della sirena finale. Dodaro: «Oggi mancano solo quei due punticini in più»

MASSA – Città di Massa – Città di Mestre 2-2 (2-2 p.t.)
Città di Massa: Dodaro, Quintin, Pichi, Bertoldi, Mesa, Verduci, Garrote, Berti, Guadagnucci, Cattani, Lucas, Nobili. Allenatore sig. Mastropierro

Città di Mestre: Putano, Bordignon, Mazzon, Crescenzo, Quinellato, Biancato, Zanardo, Conte, D’Erme, Villano, Tiozzo. Allenatore sig. Regondi

Marcatori0’48” p.t. Mesa (MA), 7’49” Quinellato (ME), 11’30” Zanardo (ME), 11’48” Lucas (MA)

ArbitriStefano Mestieri (Finale Emilia), Fabio Mavaro (Parma) Crono: Stefano Puvia (Carrara)

Il Città di Massa parte a mille nella quarta giornata di Serie A2 girone A contro il Città di Mestre. Tra le mura amiche del PalaOliveti, deserto come previsto dal nuovo Dpcm, i bianconeri vanno subito in vantaggio dopo 48 secondi prima di venire raggiunti e superati dai veneti in una partita che si sviluppa tutta durante la prima frazione, chiusa con il gol del pareggio dei padroni di casa che sigillano il risultato finale sul 2-2.

Ancora una volta, i marcatori del Città di Massa cantano l’inno spagnolo. Si tratta infatti dei nuovi arrivati Alvaro Mesa Maldonado e Lucas, integrati subito al meglio nella nuova realtà apuana di Felice Mastropierro.
Un altro spagnolo, “Pichi” Galàn, stava per mettere a segno il colpaccio proprio sulla sirena. Ma quello che gli appassionati di NBA definirebbero “buzzer beater” arriva solo qualche frazione di secondo dopo il suono della sirena finale, spezzando in gola l’urlo di gioia dei tanti tifosi che, da casa, hanno seguito la diretta Facebook della società apuana.

Può essere felice, però, l’allenatore milanese. Nonostante la vittoria non sia arrivata, la prestazione della squadra è sembrata covincente. Della stessa idea è il capitano Luca Dodaro che commenta così a fine partita: «La partita è andata bene sul piano del gioco. Secondo me, abbiamo dominato per larghi tratti la partita, abbiamo avuto tantissime occasioni. Non c’è da stupirsi delle qualità del loro portiere, lo sapevamo. Dispiace per la beffa finale, un decimo di secondo in più e saremmo riusciti a portarla a casa. Sono contento della squadra perchè abbiamo costruito bene il gioco, siamo riuscito a tenere un’intensità molto alta, mettendo in campo quello che vuole il mister. Oggi mancano solo quei due punticini in più.»

Difficile stilare un quadro della classifica del girone A, con squadre che ancora devono scendere in campo. Le due vittorie in due partite dell’L84, che proprio sabato scorso aveva sconfitto per 3-6 i bianconeri a Massa, bastano a regalare ai piemontesi la vetta del girone che vede il Città di Massa a 4 punti con 3 partite giocate, validi per il 4° posto, per quanto possa contare in questo particolare momento.
I ragazzi di Mastropierro preferiscono concentrarsi sulla prossima partita che li vedrà impegnati sul campo del Lenzi Automobili Prato per il primo derby toscano della stagione.