LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Tennis, per Musetti arriva il primo titolo Atp al Challenger di Forlì

Vittoria strepitosa del carrarese che batte in finale il brasiliao Thiago Monteiro con un doppio 7-6. Lunedì sarà 138 del mondo

FORLI- Dopo le fantastiche prestazioni che hanno lasciato a bocca aperta tutti gli addetti ai lavori al Foro Italico, per Musetti è arrivato il primo titolo Atp della sua carriera. Il tennista carrarese si è imposto, oggi 26 settembre, nella finale del Challenger di Forlì, portando a casa un prestigioso trofeo che lo proietta ancora più vicino alla top 100 del ranking mondiale.

Un percorso iniziato grazie alla wild card che gli ha permesso di entrare nel tabellone principale del torneo romagnolo e costellto di grandi vittorie. Dopo aver battuto Gabashvili al primo turno, per due set a zero, il classe 2002 ha prima eliminato la testa di serie numero 1 del tabellone, l’americano Tiafoe, astro nascente del tennis made in USA, in tre set. Ai quarti, invece, è arrivata la vittoria nel derby italiano con Andreas Seppi, liquidato in due set con un 6-3/6-1 che non lascia spazio ad indugi e che allunga la lista di vittime speciali.
Arrivato in semifinale contro ogni pronostico, Musetti ha sfruttato l’infortunio dell’avversario sudafricano Lloyd Harris che aveva fatto suo il primo parziale (6-4), prima di cedere al dolore e perdere 6-0 il secondo e ritirarsi sotto 4-1 nel terzo. Lorenzo si è detto dispiaciuto per il finale, non certo quello che avrebbe desiderato, ma concentrato sull’obiettivo grande.

Oggi, arrivato al momento che conta, ha dovuto vedersela con il brasiliano e numero 89 del mondo Thiago Monteiro. Un avversario difficile, con alle spalle due secondi turni nelle prove dello Slam del Roland Garros e di Wimbledom, arrivati entrambi nel 2017 anno del suo best ranking: 74.

La partita si è fatta fin da subito dura, una battagia di nervi tra un giocane promettente e un giocatore sicuramente più esperto e abituato a certi palcoscenici. Lorenzo è stato bravo ad entrare deciso in partita e a strappare subito il servizio al brasiliano nel primo game. Dopo che Monteiro aveva recuperato lo svantaggio al sesto gioco, è arrivata di nuovo la reazione del carrarese al game successivo che non è servito però ad evitare il tie-break dopo il secondo controbreak dell’avversario. Nel decisivo tie-break non c’è stata storia: 7-2 e primo set all’italiano.

Il secondo parziale è stato equilibrato, nessuno è riuscito a prendere break di vantaggio costringendo così la partita al secondo tie-break. Anche in questo caso, Musetti è stato in grado di tenere ben saldi i nervi chiudendo la partita in un’ora e 58 minuti con un doppio 7-6.

Grazie alla vittoria del Challenger di Forlì, come detto sopra, il carrarese lunedì prossimo raggiungerà la 138esima posizione del ranking mondiale. Ancora, per distacco, il 2002 con ranking più alto al mondo. Un record, questo, che mantiene le promesse del circuito juniores che lui stesso aveva comandato.
La carriera di Lorenzo sembra sempre più lanciata verso i vertici del tennis e tutta Italia non può far altro che applaudire e godersi il nuovo gioiellino made in FIT.