Quantcast
LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Atletico Carrara, il punto del diesse Rinaldi

Anche in casa nerazzurra si devono fare i conti con i molti dubbi che investono il calcio dilettantistico e giovanile

Un calcio giovanile attualmente ai box e che ancora non ha idea di quando potrà tornare in campo. Ripartire? Quando e come. Anche in casa Atletico Carrara si devono fare i conti con i molti dubbi che investono il calcio dilettantistico e giovanile.

A fare il punto della situazione il Direttore Sportivo nerazzurro Riccardo Rinaldi .
Sicuramente è così, dobbiamo fare i conti con molti punti interrogativi, noi però partiamo da una certezza: l’accordo tra Atletico Carrara e Perticata. Grazie alla lungimiranza delle famiglie Bigarani ed Orsini andremo a costruire una realtà più forte, più strutturata, più focalizzata. Il campetto di Via Donati diventerà la casa della scuola calcio e dell’attività di base, mentre alla Fossa dei Leoni ci concentreremo sul calcio ad 11, le annate a 9 cominceranno a prendere dimestichezza con il campo più grande in previsione del passaggio ad 11.
Qui in effetti dobbiamo fare i conti con una prima incertezza, da più parti ci si interroga sui format dei campionati 2021 22. Personalmente portai questo tema all’attenzione del Presidente Mangini già qualche mese fa, ipotizzando addirittura il blocco delle annate. In particolare, nell’occasione, il focus fu sulle annate 2004 (Allievi A) e 2008 (Esordienti secondo anno), i primi , con la normale progressione , sarebbero collocati fuori dal settore giovanile avendo di fatto saltato a pie’ pari il biennio allievi, i secondi rischierebbero il passaggio ad 11 senza aver svolto il biennio a 9.Ritengo quindi, che in assenza del blocco completo delle annate, un ragionamento debba esser fatto su quelle categorie di confine e passaggio, oltre alle due citate, inserirei nel ragionamento anche i 2010, penso che un altro anno a 7 non farebbe male. Circa la ripartenza, abbiamo la casella mail intasata di inviti a tornei, capisco le esigenze delle società ed il segnale che si vuol dare con la ripartenza, ma invito alla calma, la priorità sarà riportare i ragazzi al campo dopo l’ennesimo stop, nella speranza di poter offrire loro l’allenamento tradizionale.