Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Dal monte Cavallo al Monviso: il “Vertical Team Apuane” prosegue la sua scalata foto

Un gruppo di escursionisti e alpinisti accomunati dalla passione per le Alpi Apuane si racconta: “Vogliamo spingerci sempre oltre”

Più informazioni su

Si parla spesso del territorio apuano come un contesto paesaggistico unico al mondo, dove mare e montagna, separate da pochi chilometri, si fondono a creare uno scenario da togliere il fiato. Uno scenario che vale la pena di vedere dall’alto, come dalla cima di un monte. Ed è proprio da qui che parte la storia di un gruppo di giovani amanti della montagna e delle scalate, che di una passione comune hanno fatto una bella avventura. Un libro da scrivere e da raccontare, pagina per pagina, con un inizio recente e un finale che si prospetta molto lontano. “Perché – come racconta Matteo Chelli, uno dei membri del gruppo – la l’esperienza è in crescendo, e l’obiettivo è spingersi sempre più fuori dai nostri confini”.

“Vertical Team Apuane”, è il nome che Matteo Chelli, Andrea Bertanelli, Giacomo Palmerini, Lorenzo Galletti ed Enrico Fracassi hanno dato alla loro squadra di alpinisti/escursionisti nata la scorsa estate. Il progetto nasce dalla condivisione su gruppi social di fotografie e racconti nella speranza che la rete online potesse rivelarsi utile per dare vita a qualcosa di importante. “Quello che tutti inizialmente speravamo era di trovare dei coetanei che avessero questa passione comune per la montagna e in particolare per le Alpi Apuane” – spiega Matteo. “Quando ho iniziato a scalarle, 4 anni fa, me ne sono subito innamorato. Quello che colpisce sono le loro guglie così aguzze e così vicine al mare, quelle strane forme molto esposte e verticali, che trasmettono un senso di grandezza e di stupore. Con gli altri ragazzi abbiamo formato prima un gruppo Facebook e poi uno Whatsapp, e da lì in avanti abbiamo iniziato a sentirci regolarmente tutti i weekend per organizzare escursioni e avventure sulle Apuane”.

E dalla passione, dalle condivisione di esperienze, sono nate poi le amicizie. “Abbiamo dato vita a una bella unione, e tutto grazie alla montagna, che ci ha permesso di vivere momenti di forti emozioni e soddisfazioni, tutto in un percorso sempre in crescendo. Siamo partiti come semplici escursionisti, poi l’entusiasmo e la voglia di spingersi oltre ci hanno portato a intraprendere percorsi via via più difficili, facendoci aiutare da persone esperte nell’utilizzo delle attrezzature alpinistiche”.

Dalla traversata Monte Cavallo – Monte Contrario, prima uscita del Vertical Team Apuane nel 2018, fino ad arrivare alla cima del Monviso, a oltre 4000 metri. Una serie di avventure che arricchiscono mente e anima, non solo per la bellezze della natura, ma anche per tutto il contesto. “Il fatto di passare la settimana a organizzare le gite, a pensare di fare le cose in grande, di sognare insieme, grazie a una passione di quelle sane, pure e genuine”.
E l’esperienza di gruppo più bella? “Sicuramente la Cresta Nord della Pania Secca, la prima salita alpinistica che abbiamo realizzato in autonomia con corde e varie dispositivi di sicurezza per fare questo tipo di scalate. Una volta arrivati sulla cima c’è stato un grande momento di emozione e di grande soddisfazione. E la montagna ci ha insegnato proprio questo, a sentirci soddisfatti, orgogliosi di quello che siamo e facciamo. Recentemente abbiamo realizzato un logo del gruppo, una nostra pagina Facebook e Instagram, in cui raccontiamo a chi ci segue le nostre esperienze con il maggior numero di dettagli possibile. La nostra è una passione a 365 gradi che non si limita all’uscita in sé e per sé, ma che si estende a cercare di rivivere, tramite foto e racconti, tutte le emozioni che la montagna ci trasmette”.

Più informazioni su