Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana

Tanti tifosi azzurri in sala Amendola ad Avenza

Dibattito animato. Tanti i perchè a cui l'Assessore Trivelli cerca di di dare risposta

Tanta gente in una sala Amendola ad Avenza piena zeppa di tifosi azzurri in attesa di un perche’ grande come una casa ovvero quello riguardante la chiusura dello Stadio dei Marmi per la partita di domenica prossima col Novara nonche’ col grosso punto interrogativo riguardo ai match futuri. Per la Carrarese presente Claudio Santi. Al dibattito anche uan rappresentante legale dei tifosi, l’avvocato Monica Menconi.

Presente l’Assessore Trivelli del Comune di Carrara . Le sue parole. “Alcuni lavori sono stati fatti. Altri importanti non sono stati fatti di competenza di vari enti. Occorre un coordinamento per fare i piu’ presto possibile Consentire che lo stadio venga anche parzialmente aperto e poi arrivare ad aprirlo totalmente. Il Sindaco non puo’ firmare perche’ altrimenti la Prefettura sequestrerebbe lo Stadio” Un’affermazione quest’ultima che accende i tifosi molti dei quali non sono d’accordo e partono fischi e “Vergogna”.

Claudio Santi prende il microfono. “Domenica cerchiamo di stare tutti uniti ed appoggiamo la squadra senza pero’ trascendere. Mi aspetto tanta gente fuori dallo Stadio che faccia sentire la sua voce . Ho fiducia nelle istituzioni e vedo che sono vicine ala Società nel cercare di risolvere il problema.”

La domanda dell’avvocato Menconi. “E’ possibile avere un programma scritto riguardante il progetto dei lavori in modo di monitorare i lavori?”

Trivelli :”Il Comune si sta prendendo le sua responsabilità . L’obiettvo è cercare di riaprire lo Stadio nel piu’ breve tempo possibile a capienza limitata. La prossima settimana il progetto riguardante i lotti dei lavori sarà pronto e potremo essere sicuramente piu’ precisi per tempi e modi ”

Tanta buona volontà da parte delle istituzioni, ma allo stesso tempo nessuna certezza e di conseguenza crescono i perchè, cresce il malumore dei tifosi che anche stasera sicuramente non hanno ottenuto quello che attendevano ovvero risposte certe su cui poter ragionare.

La cosa certa è una. Quella che domenica saranno costretti a stare a tifare fuori da uno stadio chiuso e senza sapere neppure i tempi di un possibile ritorno sui gradoni dello stadio dei Marmi.