LiguriaNews Genova24 Voce del Tigullio Città della Spezia Voce Apuana

Lettere al direttore

«Riapriamo le aziende del lapideo in sicurezza»

Venturini (Onymar srl) al presidente Rossi: «Rischiamo di non uscirne, l'unica soluzione è ripartire»

Pubblichiamo di seguito una lettera dell’imprenditore Niccolò Venturini (Onymar quarries/Onymar srl) rivolta al presidente della Regione Enrico Rossi.

“Caro Presidente,
Le parla un piccolo imprenditore di Carrara del settore lapideo e non solo. In questi giorni, settimane e adesso oserei dire mesi, abbiamo solo ascoltato e obbedito ai vostri vincoli, leggi e restrizioni. Ma adesso la invito ad osservare molto più attentamente tutte le aziende e il loro sviluppo sul territorio, non solo quelle del mio settore: parlo in generale. Soprattutto a delineare delle linee guida, purché rigide, che consentano la riapertura delle stesse. Non possiamo fare di tutta l’erba un fascio.Chi riuscirà ad organizzare la propria ditta con i criteri stabiliti (misurazione della temperatura, fornitura di guanti, mascherine e gel, sanificazione degli edifici e distanza di 1,8 m di sicurezza ecc…) non potrebbe già essere messo in condizione di riaprire, di produrre Cosa stiamo aspettando ? Non penso ci sia una vera e propria soluzione a questo virus, prima della produzione di un vaccino, bensì una convivenza forzata. E allora cosa si fa ? Perché è il cosa si fa che può salvarci, non il cosa si farà. Nel mio settore già da tempo la domanda era in calo e il 90% del nostro lavoro ormai si basa sull’export. Molti clienti si stanno rivolgendo altrove per reperire servizio e materiali, e questi lavori, progetti non torneranno indietro. Intanto i lavoratori sono a casa in una fantomatica cassa integrazione, senza contare i danni a tutto l’indotto, trasporti e non solo.
Le spese avanzano, tutti sanno che la ripresa sarà lunga e molti di noi non ne usciranno o allungheranno la loro “agonia aziendale” indebitandosi con le banche o lo Stato. Anche se non sarà facile e non penso che tutto tornerà come prima, l’unica nostra possibilità è riaprire nel rispetto delle regole e ricominciare a lavorare.”

Nicolò Venturini
Della Onymar Quarries srl e Onymar srl”