LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Disinfestazioni, Barotti ad Asmiu: «Serve copertura ordinaria»

Più informazioni su

MASSA – Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere comunale Andrea Barotti.

Letta la nota dell’amministratore unico di Asmiu avverto la necessità di replicare. In primo luogo non comprendo l’escursus sulle procedure che ha ben poca attinenza con quanto avevo scritto, forse è il tentativo mal riuscito di divagare, poiché ho semplicemente sostenuto che la prevenzione è l’unica misura per evitare la diffusione di virus.
La riduzione di insetti vettore può avvenire sia con la disinfestazione ordinaria che “straordinaria”; è certamente preferibile la prima opzione considerando la seconda un rimedio per così dire “tardivo”.
Per essere più chiaro, interventi di disinfestazioni ripetuti e non isolati dovrebbero evitare le situazioni di emergenza ed è per questo che esortavo ad un maggior sforzo mettendo a disposizione risorse proporzionate.
Fornari sostiene che Asmiu ha fondi sufficienti ma non indica le zone della città coperte dal servizio della municipalizzata cita, meramente, un’unica operazione, ordinata dall’Amministrazione, in località Turano contro la dengue.
La Comunità avrebbe apprezzato la nota di Fornari se questi avesse dato contezza, con precisione, di una copertura ordinaria, attenta e frequente, di tutto il territorio ma così non è stato; l’esponente di Fratelli d’Italia ha preferito chiarire un aspetto, la divisione di competenze, più utile a ripartire le responsabilità che soddisfare l’esigenza di sicurezza della cittadinanza.
In merito alle caratteristiche dei prodotti utilizzati non mi pare di aver affrontato l’argomento o di aver messo in discussione la regolarità, l’efficacia delle sostanze impiegate; ad ogni modo ringrazio il mio interlocutore per aver voluto approfondire tale questione.
Le procedure non sono state oggetto del mio intervento poiché ho, semplicemente, sostenuto la necessità di prevenire la comparsa di insetti portatori della febbre West Nile del resto alla zanzara poco importa se l’irrorazione di strade, siepi, parchi rientri nel calendario, nel programma di Fornari o sia ordinata da Persiani con un provvedimento ad hoc.
La circostanza che Asmiu sia nelle condizioni, in termini di mezzi, personale e fondi, per svolgere il compito demandatole rende difficile capire le ragioni per le quali molte strade non siano state interessate dal servizio (avevo parlato di disinfestazione a macchia di leopardo) ed il motivo per cui sia scattata una situazione critica a Turano; più chiaramente, se la disinfestazione ordinaria avesse funzionato si sarebbe evitata, probabilmente, la richiesta, da parte del Comune, di un’azione mirata, specifica nella località poc’anzi indicata.
Sarei pronto a ringraziare Fornari se volesse elencare il numero di dipendenti e di veicoli dedicati alla disinfestazione per la città di Massa.
Concludendo, la replica dell’Amministratore Unico si dilunga su profili burocratici, su aspetti secondari (i prodotti impiegati che chiaramente non possono che essere quelli autorizzati) ma non fornisce dati sull’attività di prevenzione, non indica i quartieri, i chilometri di strade disinfestate. Spero che Fornari voglia snocciolare qualche numero ma in modo più chiaro di quanto fatto per la differenziata; quei risultati, infatti, mal si conciliano con i cumuli di rifiuto indifferenziato che insozzano la città.
Infine, la conoscenza delle procedure sfoggiata dall’Amministratore dovrebbe consentirgli di rispondere a quelle domande sulla ex discarica, sul percolato, sui titoli autorizzativi, sulla vecchia e sulla nuova ricicleria rimaste, ad oggi, prive di seguito.

Più informazioni su