LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Bruschi: «”Non parlo dialetto carrarino, sono molto istruita io”. Arrighi snob»

CARRARA – «Siamo sconvolti della supponenza della sinistra radical chic. Durante il dibattito-confronto tra gli aspiranti sindaci organizzato dalla Cisl la candidata del Pd Serena Arrighi ha detto di non voler parlare dialetto carrarino perché lei “è molto istruita”. Sottolineando così le distanze con i carrarini che invece lo usano». Lo afferma Riccardo Bruschi, della lista “Il centrodestra siamo noi”. «Nella sala – dice Bruschi – è ovviamente esploso il dissenso. Dissenso dei laureati, dei diplomati e anche di chi da ragazzo ha avuto la necessità di andare a lavorare. Crediamo che ognuno abbia il diritto di scegliere come parlare e che non sia obbligatorio conoscere la lingua dei nostri nonni ma stupisce lo snobismo della candidata del Pd verso il popolo e i cittadini che invece meritano tutti rispetto e considerazione, a prescindere dai titoli di studio o dalla posizione sociale, e’ surreale dover ribadire certi concetti. Per il centrodestra il dialetto è cultura. Il dialetto sono le radici che più affondano e più ci permettono di salire in alto. Nel programma di Simone Caffaz, candidato che noi sosteniamo con convinzione, c’è scritto: “Valorizzare il dialetto attraverso il patrocinio e il sostegno diretto ai premi di poesia dialettale esistenti; se possibile, la ripresa di premi letterari scomparsi”. Noi non ci dimentichiamo da dove veniamo. Non è che il Pd preferirebbe, invece, parlare in fiorentino?».