LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Medico Usca al Monoblocco: «Subito un tavolo per studiare soluzioni congiunte»

CARRARA – “Medici Usca al Monoblocco: subito un tavolo con Asl e Regione per affrontare il problema dei contratti in scadenza”. L’appello arriva dalla candidata sindaca del centrosinistra Serena Arrighi in vista dei possibili imminenti disagi nella sanità locale evidenziati in questi giorni dal segretario provinciale della Uil Fp Claudio Salvadori.

Lo scenario, a partire dal prossimo mese, è quello che vede a rischio il futuro di lavoratori e lavoratrici con contratti in scadenza il 30 giugno. Parliamo degli Usca, quei medici inseriti in organico in piena pandemia dalle aziende sanitarie per garantire continuità assistenziale ai pazienti affetti dal virus che non avevano bisogno di immediato ricovero. Operatori sanitari che, terminata la fase acuta dell’emergenza, sono stati trasferiti in altri reparti, in particolare nelle cure intermedie.

“Come evidenziato dal segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori, è necessario affrontare la questione in tempi brevi – sottolinea Serena Arrighi – la scadenza dei contratti è vicinissima e al Monoblocco sono già sospesi i ricoveri alle cure intermedie. Oltre ad un dovere di trasparenza e chiarezza nei confronti di lavoratrici e lavoratori che attendono di conoscere il loro futuro, le istituzioni riflettano sulla preziosa funzione che questi operatori hanno ricoperto nei mesi di pandemia, e sull’importante ruolo che potrebbero ancora svolgere, specialmente in una fase in cui la sanità, fortunatamente, sta evolvendo in un’ottica di territorialità e prossimità.

“Quando si parla sanità, è più che mai urgente creare sinergie istituzionali che permettano di studiare soluzioni condivise. Per questo – chiude la candidata – ci impegneremo a portare avanti un dialogo continuo con Asl e Regione per monitorare la situazione e determinare, in maniera congiunta, azioni che permettano di mantenere un certo livello qualitativo nelle nostre strutture d’eccellenza, come il Monoblocco, e di garantire un futuro lavorativo certo a chi ha scelto di spendere la propria vita al servizio degli altri”.