Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Il PD attacca la giunta sulla ciclabile del Viale Roma: «Progetto incompiuto»

MASSA – «In merito alla realizzazione del nuovo tratto di pista ciclabile sull’asse di viale Roma, intersezione di via Carducci/Ponte della Ferrovia, bisogna purtroppo rilevare che da oltre quattro mesi, l’area del cantiere è stata delimitata con rete plastificata arancione ma i lavori non sono ancora iniziati». A parlare è il gruppo consiliare del partito democratico  a Massa.

»Uno stato di cose che da un lato ha creato disagi per i parcheggi che sono venuti meno, e dall’altro ha aggravato la condizione di insicurezza per bici e pedoni. Ma l’amministrazione comunale, che tanto contrabbanda il decisionismo per efficienza amministrativa, come sempre, è sorda alle sollecitazioni dei cittadini. Anche quando più evidente è la necessità di riconsiderare le scelte da fare, nega ogni possibilità ed ipotesi di partecipazione e di condivisione, – continuano i dem – L’amministrazione a fronte delle osservazioni e prese di posizione avanzate da molti cittadini aveva l’opportunità e tutto il tempo per riconsiderare e ripensare il progetto».

Questo ci saremmo aspettati di fronte ad un’opera che, per molti aspetti, al momento risulta di difficile comprensione. In primo luogo il tratto di pista ciclabile risulterà non omogeneo con la pista ciclo-pedonabile di viale Roma. Non né ricalcherà il disegno ma sarà realizzata restringendo la carreggiata stradale. – aggiungono – Verrà così meno la visione unitaria del percorso della pista ciclabile sull’asse viale Roma/ Zona Stazione. Per altro, con la realizzazione dell’opera, saranno eliminati lungo il percorso parcheggi e, molto probabilmente, si dovrà procedere all’abbattimento di alcune piante».

«Le piste ciclabili che rappresentano un investimento dal ritorno immediato e concreto nel turismo, nella sostenibilità ambientale, nella lotta all’inquinamento e nella sicurezza della mobilità debole, – concludono – possono e debbono essere frutto di azioni e scelte che risolvono problemi e non piuttosto opere che ne evidenziano altri».