LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Ballottaggio Carrara, Ferri: «Accordi solo alla luce del sole»

L'ex candidato a sindaco: «Carrara anche grazie alla mia discesa in campo è tornata centrale». Nessun appoggio invece da parte del partito sovranista di Italexit

CARRARA – Due posizioni politiche antitetiche quella della coalizione a sostegno di Cosimo Ferri e quella di Italexit che sosteneva il candidato sindaco Elvino Vatteroni: il primo con il 15,1% di voti raccolti domenica scorsa e l’altro con il 2,47% raggiunto. Posizioni politiche antitetiche che si riflettono in una strategia post primo turno elettorale altrettanto antitetica. «A Carrara l’esito delle elezioni ha una sola lettura: il polo riformista, che ha superato il 15 per cento, è centrale e decisivo e la città diventata laboratorio nazionale. È stato un grande successo, preparato in un solo mese, resta l’unico rammarico di non essere partito prima perché oggi sarei sindaco di Carrara».

Lo dichiara il deputato di Italia viva Cosimo Maria Ferri che sottolinea: «Carrara anche grazie alla mia discesa in campo è tornata centrale. Ora il prossimo sindaco ha la strada spianata per il Pnrr, mi auguro solo che sappia presentare i progetti giusti e convincenti. Il territorio ha bisogno di ripartire e di attenzioni. Siamo fieri del nostro risultato e dobbiamo rispondere a chi ci ha dato fiducia. Non faremo accordi nelle sedi di partito ma alla luce del sole. Si parte da Carrara, ma lo schema può essere sperimentato anche in altre realtà. Lo spazio c’è e i numeri lo dimostrano. Siamo noi il Polo riformista ma le porte sono aperte, c’è sempre bisogno di idee, persone, confronto e progetti» conclude.

Per Italexit, parla il suo segretario politico a Carrara, Carlo Lamperti che chiude a ogni possibilità di dialogo: «Italexit per L’Italia non intende partecipare, né appoggiare nessun partito o qualsivoglia lista si presenterà al ballottaggio che si terrà il giorno 26 giugno prossimo-scrive in una nota il segretario di Italexit – La decisione è conseguenza delle linea di coerenza intrapresa nel rispetto del suo elettorato e dei principi intorno ai quali sono imperniati i valori che lo tengono insieme per il conseguimento dell’obbiettivo di libertà collettiva ed individuale, sovranità nazionale e indipendenza economica dall’Europa. Inoltre ritiene di aver raggiunto un risultato importante come prima apparizione nel panorama politico locale, aprendo così una breccia di speranza per tutte quelle persone che si sentono oppresse dal regime sanitario, economico e sociale che contraddistingue il momento storico attuale. La nuova strada tracciata dovrà, nella volontà degli interpreti principali che rappresentano sul territorio tale schieramento, dare modo a tutte le persone unite e disunite di sentirsi accompagnate, protette ed incoraggiate ad aggregarsi per formare un fronte comune al fine di unire le forze per il raggiungimento dell’obbiettivo finale. Sarà un lungo percorso di pazienza, perseveranza, coerenza, ma riteniamo che sia l’unica strada percorribile in questa lunga notte. Porgiamo i nostri rispetti e i ringraziamenti più profondi-si conclude la nota- nei confronti di tutti colori i quali ci hanno dato fiducia in questa tornata elettorale, pochi o tanti che siano, dobbiamo loro il nostro dovere morale per i nostri figli e per il loro futuro».