Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Politiche sociali e pari opportunità: il programma di Simone Caffaz

CARRARA – Prosegue da parte di Simone Caffaz, candidato sindaco di Carrara alle prossime elezioni amministrative comunali del 12 giugno, la presentazione dei punti del suo programma. Caffaz, sostenuto nella sua corsa al ruolo di primo cittadino da Lega, Il centrodestra siamo noi, Simone Caffaz Sindaco, Capitale Carrara, Npsi Liberali Socialisti e Carrara Futura, parla dei provvedimenti in merito a politiche sociali e pari opportunità.

«La pandemia e la conseguente crisi economica – esordisce Caffaz – hanno notevolmente accentuato la domanda di servizi sociali e di sostegno. Una Carrara che guarda ai più deboli deve tenere conto delle esigenze delle famiglie a basso reddito e prive di reti di sostegno, dei bambini in povertà, dei giovani che faticano a costruirsi un futuro lavorativo, delle donne che non si vedono riconosciuta una effettiva parità di genere e che sopportano il peso della conciliazione casa/lavoro, degli anziani con il loro patrimonio di esperienze ma che oggi conoscono anche la povertà economica e relazionale, delle persone disabili che necessitano di assistenza sociosanitaria e di interventi a 360 gradi».

«La nostra amministrazione – prosegue Caffaz – si farà carico dei più deboli, di chi ha bisogni particolari e affronta i problemi legati all’esclusione sociale. Farsi carico di tutto ciò è costoso, difficile ma possibile, valorizzando le competenze della struttura comunale, del privato sociale, del mondo del volontariato e della cooperazione tra laici e cattolici. Anche per affrontare queste problematiche il nostro programma, che potete trovare on line sul sito e sui social e in forma cartacea nelle sedi dei comitati elettorali, è ricco di proposte e soluzioni».

«Tra le altre cose – insiste Caffaz – rafforzeremo le reti sociali territoriali esistenti incrementando sinergie e comunicazione tra amministrazione, servizi e associazioni. Saremo rigidi contro la immigrazione clandestina ma rafforzeremo gli interventi a favore dell’integrazione degli immigrati regolari. Daremo impulso alla costruzione di nuovi alloggi popolari ERP e all’acquisizione di alloggi nei centri storici, velocizzeremo le assegnazioni delle case popolari attribuendo maggior peso nell’assegnazione al criterio di anzianità di residenza nel Comune».

«Sugli anziani – conclude Caffaz – potenzieremo i centri diurni e ricreativi, aumenteremo i posti nella casa di riposo e aiuteremo con le rette le famiglie più bisognose, valorizzeremo il servizio di assistenza domiciliare e di accompagnamento. Per quanto riguarda i giovani riapriremo i centri di aggregazione giovanili chiusi dall’attuale amministrazione. Per quanto riguarda i disabili, potenzieremo il servizio di assistenza domiciliare per disabili, i servizi diurni sul territorio e i servizi di inserimento lavorativo. Abbiamo poi un articolato punto dedicato alla prevenzione della violenza sulle donne e ai presidi dedicati alle donne colpite o in condizioni di pericolo o necessità».