Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Bonifiche, siamo a un punto di svolta. Ora sette mesi per assegnare i lavori»

L'ex deputato massese Fabio Evangelisti: «Alla data del 31 dicembre 2022 scade il tempo a disposizione. Serve correre»

MASSA – “Finalmente, dopo lunghe discussioni e varie polemiche, il progetto per le bonifiche della zona industriale apuana, presentato dalla Sogesid, ha passato il vaglio definitivo della Conferenza dei servizi convocata a inizio settimana al Ministero della transizione ecologica. Non che le riserve siano del tutto fugate, ci vorranno ancora anni di lavoro e monitoraggio per vederne i risultati, ma pare proprio scongiurato il rischio di perdere i finanziamenti (circa tredici milioni di euro) stanziati per bonificare la falda in area Sir e Sin (Siti di Interesse Regionale e Nazionale). Adesso è corsa contro il tempo per completare le gare d’appalto e l’avvio dei lavori per realizzare le barriere e i filtri di trattamento. Ma la bonifica si farà”. A tornare sull’argomento è l’ex deputato massese Fabio Evangelisti. “Così come – aggiunge – a inizio settembre partiranno i lavori di risistemazione e messa in sicurezza del tratto di scogliera davanti all’ex Colonia Torino. Siamo dunque a un punto di svolta e di ciò va dato atto a tutti i soggetti istituzionali che si sono impegnati per il raggiungimento dell’obiettivo, senza la necessità d’incatenarsi al cancello o sparare invettive contro quelli di prima o i livelli superiori”.

“Messa da parte la “grancassa”, dunque, la Conferenza dei Servizi, con l’approvazione di tutti i soggetti interessati, ha sancito che il progetto per la bonifica della falda delle aree SIN e SIR possa e debba proseguire il suo cammino – prosegue Evangelisti -. Insomma, come tante persone ragionevoli si erano permesse di suggerire, è stata fatta una valutazione squisitamente tecnica del progetto (che ha conosciuto anche qualche ulteriore piccola modifica) e, soprattutto, è stato messo “nero su bianco” che – allo stato attuale – il progetto stesso è adeguato e può essere realizzato. Punto. E’ finito, di conseguenza, il tempo delle dichiarazioni mirabolanti e delle demagogiche prese di posizione e dei distinguo: “si, ma…”; “però, sarebbe meglio…”. Ora bisogna passare ai fatti, dal progetto definitivo a quello esecutivo e, con rapidità e capacità, all’assegnazione dei lavori attraverso la realizzazione di un’unica procedura di appalto integrato, con un unico soggetto che attui la progettazione esecutiva e successivamente la realizzazione delle opere. E tutto questo va fatto in massimo sette mesi, perché alla data del 31 dicembre 2022 scade il tempo a disposizione. Quindi, si deve “correre”. E serve che la correre siano tutte le istituzioni coinvolte, congiuntamente, dai Comuni alla Regione, dal Parlamento al Ministero”. “A noi – chiude l’ex deputato – cittadini di Carrara e Massa, il compito di fare gli “assistenti contrari” affinché il percorso abbia buon fine, dopo tante distrazioni e sottovalutazioni.