Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Montessori-Repetti, rischio accorpamento classi per l’anno 2022-23: Cosimo Ferri con i genitori

«Non c'è bisogno di dimensionamento scolastico; occorre investire in organici aggiuntivi, in maggiore tempo scuola, in riduzione del numero di alunni per classe,  in edilizia scolastica adeguata, in servizi funzionali»

CARRARA – Con la definizione, ad aprile, dell’organico di diritto, si è concretizzato il temuto rischio dell’accorpamento per due classi dell’ISS Montessori-Repetti per l’anno scolastico 2022/2023: una al liceo classico ed una al linguistico. Pronta la replica dei rappresentanti di istituto che, per conto dei genitori, hanno indirizzato missive al provveditorato agli studi e all’ufficio scolastico regionale ove viene evidenziata l’assoluta inopportunità di “classi pollaio” anche a fronte dell’andamento imprevedibile del covid.

Ma soprattutto i genitori insistono sulla necessità di assicurare qualità dell’offerta formativa attraverso la continuità didattica e la tutela degli equilibri delle classi. Secondo i genitori, inoltre, il calo di iscritti non fotografa il costante flusso in entrata al Montessori-Repetti da scuole fuori Comune, soprattutto da Massa e Sarzana, ad anno scolastico già avviato.

Sul tema interviene l’onorevole Cosimo Ferri, candidato sindaco di Carrara: «Condivido, raccolgo e rilancio l’appello dei genitori che porterò in Parlamento all’attenzione del Ministro dell’Istruzione contro il dimensionamento scolastico. La programmazione dell’offerta formativa territoriale – dichiara – non può essere oggetto di interventi che ostacolano la costruzione di una scuola pubblica di qualità».

Ferri, piuttosto, rilancia: «Non c’è bisogno di dimensionamento scolastico; occorre investire in organici aggiuntivi, in maggiore tempo scuola, in riduzione del numero di alunni per classe,  in edilizia scolastica adeguata, in servizi funzionali (quali mensa e trasporti, assistenza disabili, ecc.)».

E conclude: «Bisogna evitare accorpamenti funzionali alla mera logica numerica a discapito della qualità del servizio scolastico. Puntiamo sul Pnrr e sulle nuove regole ed opportunità. La scuola e la formazione sono pilastri della crescita dei nostri giovani».