Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Vincenti lancia Dogliani come assessore: «Candidiamo Carrara a Capitale della cultura»

«Margherita ha avuto la capacità di precorrere i tempi, adottando in fabbrica una formula innovativa in grado di coniugare lavoro, arte, cultura e informazione»

CARRARA – “È un’imprenditrice che ha visione, è stata capace di trasformare la sua azienda da luogo di lavoro in luogo di relazione. Ditemi se questo non è cultura…”. Rigoletta Vincenti, candidata a sindaco della coalizione progressista ha presentato Margherita Dogliani come secondo componente della possibile squadra di giunta, dopo l’indicazione di Matteo Martinelli in qualità di potenziale vicesindaco. “La scelta di Margherita Dogliani – ha detto Vincenti – è trasversale, su di lei c’è stata una convergenza di tutte le anime della coalizione. La sua azienda non è un valore aggiunto solo dal punto di vista produttivo per la nostra città, è da sempre un esempio di rispetto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori ed è diventata uno spazio di arricchimento culturale aperto a tutta la comunità. Margherita ha avuto la capacità di precorrere i tempi, adottando in fabbrica una formula innovativa in grado di coniugare lavoro, arte, cultura e informazione. Sono sicura che, anche per sensibilità, sia la persona giusta per questo ruolo”.

A illustrare il programma culturale è stata proprio Dogliani, molto emozionata: “Se accetto di mettermi in gioco – ha spiegato – è perché la cultura è associata a concetti come bellezza, felicità, solidarietà, che voglio facciano parte della mia vita. Il nostro progetto punta su una nuova filosofia, quella di una visione funzionale dove musei, Accademia, biblioteche e associazioni possano collaborare all’interno di un sistema organizzato. Questo significa investire sulle relazioni tra soggetti diversi, rispettando la loro autonomia e valorizzandola all’interno di una rete, con l’obiettivo di dare alla cultura un ruolo politico da protagonista. Carrara come capitale mondiale del marmo e città creativa dell’Unesco può legittimamente candidarsi a Capitale della Cultura, che per noi è un reale obiettivo di programma”.

Massima fiducia nei confronti di Dogliani da parte delle forze di sinistra: “Margherita è un’imprenditrice illuminata – ha commentato Nicola Del Nero – Condividiamo questa scelta anche perché lei ha fatto parte dall’inizio di questo percorso e, con grande umiltà, è sempre rimasta a disposizione”. Soddisfazione anche del Movimento Cinque Stelle: “È quasi una contraddizione presentare Margherita Dogliani – sono le parole di Daniele Del Nero – perché ha un trascorso che parla per lei. Il suo ruolo è la naturale evoluzione del cambiamento avviato e ora allargato a una coalizione che condivide un perimetro di ideali, al centro dei quali c’è sempre l’interesse collettivo”.