Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

«Gestione Rsa Massa, gara andata deserta. Forse il bando era studiato male?»

Forza Italia interviene sull’appalto di gestione Global Service delle strutture residenziali e di cure intermedie Ascoli e Pelù

MASSA – Forza Italia Massa, attraverso una nota a firma di Matteo Bertucci, Stefano Benedetti, Giuseppe Cagetti, Luca Guadagnucci e Sergio Menchini, interviene sull’appalto di gestione Global Service delle strutture residenziali e di cure intermedie Ascoli e Pelù di Massa: “Il commissario straordinario della Casa Ascoli, di concerto con il Sindaco del Comune di Massa che di casa Ascoli è il controllore, aveva indetto un bando di gara mediante procedura aperta per il servizio di gestione dei servizi socio sanitari, assistenziali e generali presso le strutture residenziali e di cure intermedie Ascoli  e Pelù. Si trattava di un appalto “global service” per l’individuazione di un unico soggetto che avrebbe dovuto svolgere i servizi (assistenza socio – sanitaria, mensa, pulizie, servizi alla persona, ecc.) che oggi sono affidati a diversi soggetti. Il bando prevedeva l’aggiudicazione al prezzo base di euro 2.400.000,00 circa annui per la durata di anni 6 e mesi 6. A seguito della determinazione n.2 del 12/05/2022 di Casa Ascoli, che ha per oggetto “Dichiarazione procedura deserta e avvio procedura negoziata”, Forza Italia ha appreso che la gara è andata deserta e  si interroga per far luce su cosa abbia portato alla mancanza di offerte di partecipazione. Se una gara importante, per servizi già esistenti e funzionanti, è andata deserta, è possibile che il bando fosse congegnato male e in maniera da non essere appetibile, neppure da parte dei soggetti che già svolgono quel tipo di attività e di lavori? Forza Italia ritiene di sì”.

“Conseguente alla mancanza di offerte – proseguono da Forza Italia -, Casa Ascoli ha invece disposto l’avvio di una procedura negoziata. Addio quindi al bando di gara con procedura aperta  Tutto questo senza dubbio è stato fatto nel rispetto delle forme, ma è la scelta migliore? Quali saranno le possibili conseguenze? Si tratta di aver aperto la strada a incarichi diretti e fiduciari, che potranno essere liberamente affidati, anche a soggetti che potrebbero essere estranei alla nostra città, estranei alla vita e alle dinamiche del nostro territorio e che, nella nuova gestione dei servizi, con eventuali tagli e “spacchettamenti”, potrebbero mettere a rischio posti di lavoro, fino ad esporre pericolosamente Casa Ascoli ai creditori. Quali sono le garanzie per i lavoratori attualmente impiegati dalle aziende che stanno operando presso Casa Ascoli e rsa Pelù? Bisognerà attendersi anche che le cooperative attualmente impegnate in Casa Ascoli e in rsa Pelù presto “bussino cassa” per i crediti milionari che hanno maturato da anni, se si dovessero trovare estromesse da un regolare bando di gara e, per di più, senza lavoro”.

“Forza Italia – chiudono dal partito azzurro – sollecita Casa Ascoli e il Sindaco del Comune di Massa a revocare la determinazione sopra indicata e ad attivarsi tempestivamente per  predisporre gli studi e gli atti necessari a bandire una nuova procedura di gara, con un bando ragionato e condiviso, privo delle forti patologie contenute in quello andato deserto, al fine di garantire la migliore gestione possibile dei sevizi della Casa Ascoli e della Rsa Pelù nella massima trasparenza e nell’interesse primario dei loro ospiti e dei cittadini”.