Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Aulla, svelato lo sfidante di Valettini: è l’avvocato Filippo Coppelli

Dopo cinque anni all'opposizione, le minoranze del consiglio comunale di Aulla si sono unite in un'unica lista per le amministrative che si terranno il 12 giugno 2022

AULLA – Presentata, ieri pomeriggio presso lo studio Coppelli di via Nazionale, la lista sfidante quella di Roberto Valettini, sindaco uscente che ha confermato la sua candidatura già qualche settimana fa per la corsa al palazzo comunale della città di Aulla. La minoranza del consiglio comunale aullese di questi cinque anni, quindi, si è unita creando “Insieme in Comune” e proponendo come candidato a sindaco un altro avvocato, Filippo Coppelli. Una sintesi delle due liste, la loro: quella di “Idee in Comune”, che da numerosi mandati siede all’opposizione, e “Avanti insieme per Aulla”, che vedeva come capogruppo l’ex sindaca Silvia Magnani, dal quale si era scisso anche il consigliere di minoranza Arturo Andrea Demetrio che però, per questa volta, si è unito anche lui alla nuova sfida per il 2022.

La lista, che verrà rivelata nella sua interezza con l’apertura ufficiale della campagna elettorale, vede schierate anche le compagne di opposizione Maria Grazia Lombardi e Monja Brunelli, anch’esse appartenenti alla compagine di Idee in Comune, di cui la prima era già stata proposta come candidata a sindaco alla scorsa tornata elettorale, mentre la seconda era convogliata nel gruppo dopo un’esperienza nel Pd.

«Tutti si chiedono come abbiamo fatto a essere così coesi. È il fatto che abbiamo scoperto – ha spiegato il candidato Coppelli – di avere capacità da mettere a disposizione della comunità, facendo una opposizione dura, ma sempre propositiva. Percepiamo questo distacco fra il comune e i cittadini, quindi vogliamo entrare in comune assieme a loro. Non sarò un uomo solo al comando, voglio amministrare in modo trasparente e con il confronto».

Anche Silvia Magnani ha voluto dire la sua, dura sull’amministrazione attuale: «Diamo un giudizio negativo sull’operato dell’amministrazione, si poteva fare di più e meglio, e l’ascolto dei problemi è mancato in questi 5 anni. I problemi che lasciai da sindaco, adesso li trovo aggravati: penso alle piscine di Quercia, dove si può nuotare sì, ma in un mare d’erba».