Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Roberto Checchi candidato a sostegno di Serena Arrighi

CARRARA – Portare in Comune la voce dei “molti” che spesso non vengono ascoltati. «Perché questo deve fare la Sinistra: stare dalla parte di molti, e non di pochi«. Questo, in estrema sintesi, il pensiero e l’obiettivo di Roberto Checchi, classe 1966, candidato al consiglio comunale per Sinistra Civica Ecologista a sostegno della candidata sindaca del centrosinistra Serena Arrighi. Forte di un’esperienza in protezione civile e nel volontariato, Checchi intende impegnarsi soprattutto nel settore sociale, portando in consiglio comunale sia un’attitudine naturale alla difesa dei più deboli, sia un senso di responsabilità che deriva da una ventennale carriera manageriale. «Voglio impegnarmi per un rafforzamento del rapporto tra mondo del volontariato e Comune – spiega Checchi – e per la crescita professionale delle associazioni tramite programmi formativi mirati».

Altri temi cari al candidato di Sinistra Civica Ecologista sono lo sport “attivo” e l’aggregazione sportiva. «Mi piacerebbe che si iniziasse a valorizzare anche gli sport meno seguiti – sottolinea Checchi -, quindi dal calcio al basket, passando per la pallavolo e il tennistavolo. Importante è anche il valore sociale e sanitario dello sport. Non dimentichiamo il detto “mens sana in corpore sano”: lo sport è salute, fisica e mentale, ed opportunità di aggregazione a tutte le età».

Roberto Checchi sostiene la candidatura a sindaco di Serena Arrighi: «Serena è una persona attaccatissima alla sua città – spiega -. Personalmente ho compreso immediatamente la sua capacità di essere una Sindaca di tutti, dotata di qualità imprenditoriali ed organizzative di altissimo livello. Sono convinto che Serena, grazie alla sua competenza, ci possa aiutare ad avere una città ben amministrata. E’ questa la differenza rispetto ad altri che, nonostante abbiano maturato anni di esperienza nella macchina amministrativa, non hanno mai concluso nulla di concreto per il bene dei propri cittadini».