LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

I giovani della sinistra: «Sindaco, venga con noi a bersi una birra. Si renderà conto che la città sta morendo»

Il Mgs: «Chiudere locali a mezzanotte? Decisione isterica e dannosa. La colpa non è dei giovani, ma di chi irresponsabilmente amministra da quattro anni il nostro comune»

MASSA – Per il Movimento Giovanile della Sinistra, l’ordinanza “anti-movida” con la quale il sindaco Persiani ha disposto la chiusura dei locali a mezzanotte, è frutto di una decisione “isterica e dannosa”. “In queste ore – fanno sapere dal movimento – abbiamo ricevuto dai nostri coetanei numerosissime richieste di chiarimenti in merito, ma anche noi facciamo fatica a comprendere il motivo di tale sciagurata scelta. In primo luogo, la nuova misura penalizza il mondo del lavoro e tutti quei settori già oltremodo vessati causa pandemia: uno schiaffone a tutti coloro che provano a rialzarsi dopo anni difficili.  In secondo luogo, l’ordinanza mostra ancora una volta l’incapacità dell’amministrazione di centrodestra di rispondere alle esigenze dei giovani”. Ed è su quest’ultimo punto che il Mgs propone una riflessione. “Riteniamo infatti profondamente sbagliato colpevolizzare una intera generazione (perché di questo si tratta) per episodi particolari e circoscritti. Se qualche testa calda sbaglia, la colpa non può essere di tutti. A questo proposito si potrebbe intervenire chiedendo interventi mirati delle forze dell’ordine senza ricorrere a provvedimenti totalizzanti e dannosi che rischiano di aumentare ancor di più il degrado, infatti, chi non può consumare al bar se ne porta da casa”.

“Ancor più importante – continuano dal movimento – è a nostro avviso chiedersi: “perché accade tutto questo?”, domanda che l’attuale classe dirigente non è in grado di porsi. Noi, crediamo che il motivo principale sia la mancanza di opportunità, ed è preoccupante perché, parafrasando il titolo di un grande film, Massa non è una città per giovani, e la colpa non è nostra ma di chi irresponsabilmente amministra da quattro anni il nostro comune. Per rendersene conto basterebbe vivere anche solo per una sera il centro storico, ed questo è l’invito che rivolgiamo al Sindaco: venga con noi a bersi una birra (non dopo mezzanotte, s’intende) e potrà rendersi conto che la città sta morendo, che le piazze da lui ristrutturate sono vuote, che per assistere ad uno spettacolo teatrale bisogna spostarsi in altri comuni, che per mancanza di dialogo non esistono più iniziative pubblico-privato. Auspicando che il Sindaco rivenda la sua ultima decisone il prima possibile – chiudono i giovani della sinistra –  possiamo tranquillamente affermare che chi ha preso la guida della città nel 2018 la sta lasciando peggio di come l’ha trovata, per fortuna i giovani cominciano a rendersene conto”.