Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Aumenta il costo dei parcheggi a Massa. «Si fa cassa sulla pelle di residenti e turisti»

Domenico Piedimonte (Forza Italia) contro la decisione dell'amministrazione massese: «Pensano di favorire il commercio?»

MASSA – «La nostra città soffre da troppi anni la carenza di grandi parcheggi, soprattutto quelli di cintura, e Forza Italia non ha mai mancato di reclamarli. Tanto nel passato che di recente. A dire il vero, tutto il centro destra fino a ieri ha sempre reclamato la necessità di nuovi spazi di sosta. A favore del turismo, del commercio e dei nostri concittadini». È Domenico Piedimonte di Forza Italia a intervenire per contestare la decisione dell’amministrazione di Massa di aumentare il costo dei parcheggi. «Come coordinatore comunale di un partito che ha favorito l’elezione di questo sindaco – afferma – sono perplesso e sbigottito per come ha interpretato la politica di centro destra sulla questione parcheggi. Una politica che, dopo quasi quattro anni, si è rilevata la stessa di “quelli di prima”. Nessuno stallo in più ma solo nuove gabelle ed aggravi di costi. Già la scorsa estate, cittadini marinelli si sono visti di punto in bianco sparire i parcheggi del Lungofrigido creando una frattura evidente con residenti e operatori turistici. Quella scelta, legittima ma discutibile secondo i più, ha sottratto gia spazi di parcheggio gratuiti. Ed altri parcheggi sono spariti dalla mattina alla sera».

«Assistere all’ultimo Consiglio comunale – nel quale il sindaco ha presentato lui stesso la “rivoluzione negativa” sulle tariffe e i parcheggi della città ha scaldato molti animi. Soprattutto perché all’aumento non corrispondono nuovi servizi ma anzi nuove strade che diventano a pagamento. Nulla di inaspettato quindi. Sorvolando sulla scelta infelice di togliere le 2 ore di sosta gratuita al parcheggio del mercato coperto viene da chiedere al sindaco ed agli alleati che amministrano la città se con quella scelta hanno pensato di favorire il commercio del centro città. Forza Italia ne nutre forti dubbi. E davanti ad una situazione economica che vede una imminente crescita dell’inflazione, che significato ha aumentare del 100% il costo del parcheggio all’ex Intendenza di Finanza?».

«Per non parlare – aggiunge il politico – della scelta fatta dal sindaco di portare da 0,75 ad 1,50 euro (2 euro dalla seconda ora) il costo dei parcheggi sul lungomare addirittura da aprile. Caro costerà alla famiglia massese fare un salto sulla costa per un gelato e due passi nelle belle giornate di aprile e maggio. E caro costerà a chi lavora nelle attività della costa. Si è ben pensato di aumentare del 50% i costi degli abbonamenti riservati ai dipendenti che lavorano nelle strutture di Marina. Ma a piangere davvero saranno le famiglie che sono nate, cresciute e vissute nelle case intorno a piazza Betti che all’improvviso di trovano una nuova abbonamento/gabella da 120 euro. Fino allo scorso anno, turisti e residenti, potevano fare un abbonamento settimanale da 15 euro valevole dalle 8 alle 23 pagabile solo in moneta nelle macchinette a pagamento. Quest’anno, che dovranno pagare 35 euro, i parcometri accetteranno almeno carte di credito o banconote? Ci si è pensato? Dovremo mica vergognarci anche di questo? Oppure si è pensato solo a dove trovare mezzo milione di euro in più per il bilancio comunale facendo cassa sulla pelle di cittadini e turisti? Questo non è certo il liberismo e l’attenzione al turismo che Forza Italia Massa intendeva perseguire favorendo l’elezione del sindaco Persiani».