Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Ecco la coalizione M5s, Rifondazione e Articolo Uno: «Avanti col rinnovamento di Carrara» foto

Porte ancora aperte al Pd: «Se in futuro si mostrassero dialoganti, noi siamo qua»

CARRARA – I valori sono sempre gli stessi: trasparenza, ambiente e dialogo con la città. La proposta però è nuova, arricchita di due novità: un’esperienza di governo che «prima non c’era» e l’alleanza con due nuove forze politiche. Il Movimento 5 Stelle ha presentato oggi nella Sala di Rappresentanza del Comune la coalizione in vista delle prossime amministrative. Obiettivo: «Proseguire nel processo di rinnovamento della città intrapreso in questi cinque anni». Forti dell’esperienza amministrativa maturata e appoggiati da Rifondazione Comunista e Articolo Uno, i pentastellati si dichiarano disponibili a tenere aperto il perimetro della coalizione, pronti ad accogliere qualunque forza o movimento, ad eccezione di quelli che non si riconoscono nei loro valori. Il riferimento è chiaramente alla destra, che in ogni caso ha già intrapreso una strada parallela con la “supercoalizione” capitanata da Simone Caffaz, al Partito Socialista e Italia Viva con i quali – parola del vicesindaco Matteo Martinelli, «trovare una compatibilità di valori è impossibile, considerate le politiche portate avanti dai due partiti». «Questo tavolo si è aperto con un metodo ben preciso – ha esordito Martinelli -: quello che mette al centro i temi e i punti programmatici condivisi. Argomento centrale – anticipa – saranno sicuramente le politiche legate al lapideo».

Su queste ultime 5 stelle, Rifondazione e Articolo Uno si sono confrontati individuando punti precisi: «vogliamo che il marmo torni ad essere una risorsa per la comunità tutta – ha spiegato Martinelli – e che diventi un volano per il rilancio economico del territorio nel pieno rispetto dell’ecosistema delle Apuane. Sempre tenendo a mente che le nostre montagne non sono un patrimonio infinito e che occorre salvaguardarle regolando l’attività di escavazione e impegnando le risorse che ne derivano per creare le migliori condizioni possibili per la prossima generazione».

Rifondazione Comunista, dopo aver detto “no” al centrosinistra, ha sposato quindi la causa dei 5 stelle, spinta dalla volontà «di intraprendere una strada con delle forze che si riconoscessero all’interno di un percorso progressista». Percorso condiviso da Articolo Uno che – ha spiegato il suo segretario provinciale Nicola Del Nero – intende dare il suo contributo ad un’offerta politica nuova che «anticipi la storia». «Quel campo progressista che speriamo si possa presentare alle nazionali – ha detto Del Nero – noi oggi lo mettiamo in campo a Carrara». La coalizione tiene apertr le porte al Pd e le parole del segretario di Articolo Uno lo confermano: «Se ci ripensano, se in futuro si mostrassero dialoganti in questa prospettiva, noi siamo qua». Una sfida, quella della coalizione progressista, che vedrà i suoi membri «impegnati contro tanti». Ne è certo Daniele Canali di Articolo Uno. «Determinati poteri sicuramente saranno contro di noi. Troppa gente oggi ci vuol dare lezioni, ma quei modelli che qualcuno proporrà in una destra mascherata di civismo o in un centro fittamente modernizzatore, in realtà rappresentano la parte più laterale, più marginale. La scommessa invece deve essere quella di una città sostenibile, che coinvolga i cittadini e che sia “un bel posto dove vivere”».