Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

‘Buona Destra’ contro la violenza social legata ai vaccini: «Fermiamoci finchè siamo in tempo»

MASSA-CARRARA – Si respira sempre più tensione legata alla situazione covid-19 e la nuova variante omicron che sta di nuovo mettendo in ginocchio la sanità e il Paese intero. Tensione che viene riversata sui social, attraverso insulti e minacce di ogni genere e che ha portato ad una forte polarizzazione tra chi è a favore della campagna vaccinale e delle relative misure del governo Draghi e chi, invece, è contrario alla vaccinazione. Su questo delicato tema si è espresso il coordinamento di Buona Destra per la Toscana, dopo alcuni episodi avvenuti a Lucca e a Massa-Carrara.

«Apprendiamo da alcuni organi di informazione la comparsa a Lucca di volantini riportanti la deplorevole scritta “Ai no vax Zyklon B”, con chiaro riferimento al terribile gas usato dai nazisti per lo sterminio degli ebrei nei campi di concentramento. – si legge nel comunicato – Buona Destra, come più volte ribadito è totalmente a favore della campagna vaccinale come arma fondamentale per la lotta al Covid e contesta le posizioni antiscientifiche e prive di fondamento del movimento “No-Vax”. Al contempo condanna decisamente ogni forma di violenza che, come sostiene l’avvocato Kishore Bombaci, coordinatore Regionale di Buona Destra, “nel caso di specie, oltre a essere stupida infanga la memoria e la storia di uno sterminio vero le cui tracce rimarranno indelebili per sempre, consentendo e legittimando, paradossalmente, l’assurdo parallelo che i No-Vax propugnano da tempo e cioè di essere trattati come gli ebrei durante il regime nazista”».

«Volantini di questo genere – sostiene Alessandro Rossi, coordinatore per Lucca e provincia di Buona Destra per la Toscana – oltre a essere vergognosi hanno il sapore di un autogol clamoroso che paradossalmente rinforza il movimento No-Vax offrendo loro quella spinta che le misure del Governo, seppur con molti limiti, sta arginando, con grande sacrificio del personale sanitario da sempre in prima linea nella lotta alla pandemia».

«Personale sanitario che – prosegue Bombaci – è sempre più frequentemente oggetto di attacchi sui social da parte di frange di estremisti qualora provi a manifestare il proprio sconcerto e frustrazione per una situazione che si sarebbe potuta contenere maggiormente se solo le vaccinazioni fossero state superiori a quanto è stato finora».

«Sono di questi giorni infatti le notizie delle vere e proprie aggressioni verbali subite dal medico Aldo Allegrini a Lucca e dalla infermiera Martina Benedetti a Massa, simboli della lotta alla prima ondata, ai quali – aggiunge Alessandro Rossi – va la nostra più profonda solidarietà e riconoscenza, estesa a tutto il personale sanitario, volontari di associazioni di soccorso direttamente o indirettamente coinvolti nella lotta alla pandemia. Buona Destra per la Toscana vuole quindi lanciare un appello a tutti i cittadini dicendo fermiamoci finché siamo in tempo perché l’escalation di violenza di sicuro non può che portare derive pericolose».