Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Pontremoli, Massimo Lecchini si dimette da capogruppo di maggioranza. Sordi: «Problema politico grave»

La consigliera insieme a tre colleghi di minoranza: «Non c'è un solo leader»

PONTREMOLI – «La prima conseguenza politica delle elezioni provinciali è l’annuncio delle dimissioni da capogruppo Massimo Lecchini perché non è stato sostenuto da tutti i consiglieri della sua maggioranza». Inizia così la nota firmata dai consiglieri di minoranza a Pontremoli, Elisabetta Sordi, Elena Battaglia, Mario Bassi e Matteo Bola, che commenta le dimissioni di Massimo Lecchini da capogruppo di maggioranza.

«Il problema politico – sottolineano i consiglieri – è grave e importante. A poco più di due mesi dalle elezioni, la maggioranza pontremolese scricchiola per una semplice ragione: non ha un solo leader. Se il leader di maggioranza fosse il sindaco, tutti i consiglieri avrebbero votato compatti per sostenere il loro collega. Ma a Pontremoli la maggioranza si regge su altre forze e, di fronte al richiamo del leader, due consiglieri hanno voltato le spalle a Pontremoli e al loro capogruppo, che ha ottenuto solo sei preferenze».

«Questo – concludono – è stato l’epilogo di una settimana in cui il sindaco Ferri ha polemizzato per la mancata istituzione di un seggio in Lunigiana. I dati definitivi dell’affluenza mostrano che hanno votato 230 elettori su 245: chiaramente il problema della maggioranza pontremolese non è la sede delle elezioni. E la prospettiva di una intera consiliatura alla ricerca di un equilibrio tra forze contrastanti non è una garanzia per i cittadini».