Quantcast
LiguriaNews Genova24 Levante News Città della Spezia Voce Apuana TENews

Elezioni provinciali, il resoconto di Ricciardi (Fi): «Vittoria centrosinistra con un margine poco ampio»

MASSA-CARRARA – «Le elezioni provinciali si presentavano come una sfida difficile e per certi versi quasi impossibile – commenta Ricciardi, commissario provinciale Forza Italia – La legge Del Rio è una delle peggiori di sempre e chi esulta oggi omette di ricordare due aspetti importanti: il primo che il candidato presidente del centrodestra non può entrare in Consiglio solo per effetto della legge stessa, il secondo che il centrosinistra aveva un maggior numero di liste. Per dare un valore ai risultati occorre stabilire da dove si partiva e dove si è arrivati. Per quanto riguarda il presidente, il centrodestra partiva a dai 16mila voti del 2016 ed oggi si attesta sui 38mila voti. Quindi i voti del presidente sono più che raddoppiati e la percentuale è salita al 44%, il migliore da quando esiste questa legge per il centrodestra. Qualcuno pensava, come avvenuto in passato, di doppiare il centrodestra, invece il centrosinistra ha vinto con un margine non troppo ampio, passando dai 50mila voti del 2016 ai 47mila del 2021 pari al 55%. Non un risultato straordinario. La lista di centrodestra si aggiudica tre consiglieri, uno per ogni partito della coalizione. Coalizione che, per rimanere unita, deve lavorare con questo spirito: senza prevaricazioni e senza salti in avanti. Chi ne fa troppi rischia infatti di tornare bruscamente indietro. Ragionamento che vale anche per la nostra forza politica, che vede in Omar Tognini il consigliere più votato di tutto il consiglio provinciale.»

«In Forza Italia ha e avrà diritto di cittadinanza chi segue la linea del coordinamento regionale, non chi sceglie candidati di altre forze o si augura la nostra sconfitta – conclude Ricciardi –  Per queste persone, deve essere chiaro, non c’è e non ci sarà spazio. Da oggi a febbraio prevediamo di doppiare, noi si, gli iscritti e di organizzare nuove iniziative. Quanto alla Provincia ci prepariamo ad una opposizione senza sconti e soprattutto lavoreremo per vincere nei Comuni al voto in primavera.»